-1.5 C
Rome
mercoledì, 20 Gennaio 2021

Chichén Itzà: metropoli maya-tolteca dello Yucatán

Il sito archeologico di Chichen itza rappresenta il luogo di insediamento della florida città Maya, che vi si stabilì qui dal 600 fino all’anno 1000

Chichén Itzá è una delle attrazioni da non perdere durante un viaggio in Messico. Nel 1988 all’area è stato conferito il riconoscimento di Patrimonio Unesco, un titolo sicuramente meritato per il sito archeologico che nel 2007 è stato inserito tra le Sette Meraviglie del Mondo moderno.

I MAYA

Il Messico è un paese delle mille meraviglie: si possono ammirare vulcani, deserti, pezzi di giungla e barriere coralline. Un paese dal quale non si può non restare affascinati. Ma oltre alle meraviglie naturali esistono anche quelle culturali. Il paese è la patria dell’antica cultura Maya, che richiama migliaia di visitatori affascinati ed incuriositi dai mitici siti archeologici. Uno dei siti archeologici più ammirati e celebri al mondo è Chichén Itzà, situato precisamente nello Yucatan, luogo di insediamento della florida città Maya del 600. Chichén Itzá, orgogliosa metropoli maya-tolteca che dominerà lo Yucatán per circa tre secoli, venne costruita con un mirabile connubio tra elementi maya e toltechi: il grande piazzale cerimoniale avrebbe rappresentato, secondo il pensiero maya, il luogo primordiale della creazione, mentre l’enorme Piramide di Kukulkán avrebbe simboleggiato la montagna dove la Prima Madre aveva modellato i primi uomini nel mais. Su questa struttura maya i Toltechi, provenienti da Tula, introdussero i simboli delle loro tradizioni guerresche come il “muro dei crani”, i Chac-Mool – forse messaggeri degli dèi – e le immagini di serpenti, giaguari, aquile e atlanti.

IL SITO ARCHEOLOGICO

Nell’aria archeologica è possibile ammirare tanti edifici ben conservati, come luoghi di culto, ma anche uno dei Campi di Pelota più grandi e meglio conservati dell’intero Yucatan. Questo sport era praticato dai Maya ed è considerato un antenato del nostro calcio. Uno dei luoghi più spettacolari è la Piramide di Kukulkan, un tempio alto ben 25 metri e composto da 365 scalini. In realtà non si tratta di una sola piramide, ma di una struttura che comprende altre piramidi. Una piramide alta 10 metri si trova all’interno di una seconda piramide alta 20 metri, la quale a sua volta si trova in una piramide esterna di 30 metri. Intorno a questo luogo si manifestano dei fenomeni affascinanti e suggestivi. Ogni anno, durante gli equinozi si radunano tanti curiosi e turisti per assistere ad un fenomeno incredibile: sulla scalinata del tempio si crea un effetto di ombre e luci che fa comparire un serpente che scende dalla scala. Questo rappresenta il dio Kukulkan, a cui è dedicato il tempio.

 

LA PIRAMIDE

La Piramide venne chiamata dagli Spagnoli con il nome generico di El Castillo, ma in realtà sembra fosse dedicata al culto di Kukulkán (così era definito a Chichén Itzá il divino Quetzalcóatl): le quatto scalinate hanno i parapetti ornati da lunghissimi “serpenti piumati” le cui fauci si aprono alla base della piramide, mentre le colonne del tempio superiore sono costituite da serpenti a sonagli la cui coda sostiene un architrave. Kukulkán fa la sua apparizione nei giorni degli equinozi di marzo e di settembre quando l’ombra delle nove terrazze si proietta sul muro nord-ovest, creando l’illusione di un serpente che striscia lungo la piramide. L’importanza dei calcoli astronomicocalendariali è ribadita in tutto il monumento: le quattro scalinate contano ognuna 91 gradini per una somma totale di 364, a cui va aggiunto l’unico gradino del tempio per un conto finale di 365 gradini, l’esatto numero dei giorni del ciclo solare.

LE ALTRE COSTRUZIONI

Gli altri monumenti da non perdere all’interno del sito archeologico sono: il tempio dei Guerrieri, il Campo di Pelota, Las Monjas, el Caracol, Chichen Vejo, l’Ossario, le grotte di Balankanche e Akab Dzib. Il Tempio dei Guerrieri è una grande piramide a gradoni circondata da alcune file di colonne che rappresentano altri guerrieri Maya. Sulla sommità della piramide svetta un altare utilizzato per i sacrifici. Una delle particolarità di questo sito archeologico è la presenza del campo di pelota più grande dello Yucatán, lungo ben 166 metri e largo 68. L’edificio del Caracol corrisponde all’osservatorio astronomico, all’interno del quale i Maya, attraverso le luci e le ombre, riuscivano a determinare i solstizi. All’interno del sito archeologico sono presenti anche due grandi cenotes, i pozzi naturali utilizzati per rifornire d’acqua la città. Dai ritrovamenti è stato dedotto che questi luoghi venivano utilizzati per effettuare sacrifici al dio della pioggia. Un luogo molto singolare è la Piattaforma dei Teschi, che testimonia che i Maya mettevano in atto anche rituali che prevedevano sacrifici umani.

 

 

 

Dello stesso autore

Come preparare il golden milk, il superfood della medicina ayurvedica

Tutte le proprietà della curcuma in una bevanda energetica e corroborante Impariamo a conoscere questa bevanda molto diffusa in asia che sprigiona tutte le caratteristiche...

San Galgano: la versione italiana della spada nella roccia

A pochi km da Siena sorge San Galgano, famosa per la grande Abbazia con un'enorme chiesa senza tetto e l'eremo di Montesiepi  Secondo la leggenda...

Come ottenere il Cashback per le multe, il bollo o l’assicurazione auto

Tutte le novità sui rimborsi che si possono ottenere con il Cashback nel 2021 Anche il pagamento delle multe, del bollo o dell’assicurazione auto potranno...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,675FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Come preparare il golden milk, il superfood della medicina ayurvedica

Tutte le proprietà della curcuma in una bevanda energetica e corroborante Impariamo a conoscere questa bevanda molto diffusa in asia che sprigiona tutte le caratteristiche...

San Galgano: la versione italiana della spada nella roccia

A pochi km da Siena sorge San Galgano, famosa per la grande Abbazia con un'enorme chiesa senza tetto e l'eremo di Montesiepi  Secondo la leggenda...

Come ottenere il Cashback per le multe, il bollo o l’assicurazione auto

Tutte le novità sui rimborsi che si possono ottenere con il Cashback nel 2021 Anche il pagamento delle multe, del bollo o dell’assicurazione auto potranno...

Come proteggere le piante dall’inverno

Qualche consiglio utile per salvaguardare le nostre amate piantine durante i mesi più freddi Con l’inverno che avanza è sempre più importante proteggere le piante...

Il cumino fa dimagrire? Diciamo che aiuta

Sicuramente il cumino è un valido alleato della digestione, ma puoi aiutare anche a combattere i grassi Come molte altre spezie anche il cumino può...