4.8 C
Rome
domenica, 28 Febbraio 2021

CITTA’ DEL RUGBY: A Spinaceto oltre al danno si rischia la beffa

L’area  del Punto Verde Qualità continua ad essere accessibile e priva di controlli. Rubate finestre, lastre di vetro e discendenti. Nonostante l’investimento da 32,8 milioni di euro, non esiste alcuna sorveglianza.


UN MONUMENTO ALLO SPRECO – I bandoni di lamiera sono stati divelti in almeno due punti . Ed il risultato è sotto gli occhi di tutti. Quella che doveva diventare la Città del Rugby di Spinaceto, è invece soltanto una cattedrale nel deserto. Una sorta di monumento allo spreco. L’estrema conseguenza della fallimentare gestione dei Punti Verde Qualità. Dovevano servire a garantire la manutenzione costante delle aree verdi, ed invece si sono rivelati come un investimento azzardato. Una spada di Damocle per le casse capitoline,che hanno garantito al 95% i prestiti presso le banche.

LA MANUTENZIONE DEL VERDE – E le aree verdi? La risposta sta nei fatti. Basta girare attorno al perimetro del PVQ di via Renzini, per individuare sacche di degrado che si intrecciano all’assoluto disinteresse per il verde circostante. C’è un albero, crollato da circa un anno. E’ riverso sulla recinzione perimetrale del PVQ. E lì resta.

IL BENE COMUNE – Poi c’è la questione del depauperamento del patrimonio comunale.  “Ogni giorno assistiamo ad una novità. Fino a qualche giorno fa, le ultime finestre ancora c’erano” ci fa notare un residente, indicandoci la parte dell’impianto che da le spalle alla Pontina. “Guardi i muri: dove ci sono i discendenti sono fradici. Probabilmente si sono rubati anche le canaline dell’acqua”. Lo spettacolo è desolante. “E’ gravissimo quello che sta succedendo – osserva Federico Siracusa, già Vicepresidente del Consiglio Municipale – l’allarme sulla sostenibilità economica e finanziaria era stato lanciato anni fa. Ed era una cosa da tenere sotto controllo, perché si tratta di un patrimonio appartenente al Comune di Roma”.

LE RESPONSABILITA’ – “A mio avviso ci sono responsabilità gravissime, che  la magistratura dovrà accertare. Io credo che debbano essere ricercate in capo al concessionario, che ha lasciato un’area dove sono presenti investimenti comunali in stato di abbandono. Però anche il Comune avrebbe dovuto interessarsene. Il privato ha solo la concessione del bene, che dopo 30 anni torna indietro a Roma Capitale. Ma la cosa più grave – conclude il ragionamento Siracusa – non sono i quasi 33 milioni di euro che come cittadini ci troveremo a pagare. Dobbiamo infatti considerare anche il deperimento di una struttura che è, ripeto, di proprietà del Comune”. E quindi, ancora una volta, dei cittadini. Come a dire che, oltre al danno, rischia di scapparci la beffa.

Fabio Grilli

Dello stesso autore

Il platano millenario di Curinga è in lizza per diventare l’albero europeo dell’anno

Il tronco del platano di Curinga, in Calabria, ha un’apertura di oltre 3 metri. E’ in finale nel concorso Tree of the Year 2021 Il...

Stelvio: in vendita lo storico rifugio città di Milano

Sulle Alpi l'ex rifugio città di Milano (in tedesco Schaubachhütte) è stato messo in vendita. La struttura, 25 letti nel bivacco a cui si aggiungono...

Plastic free, il WWF lancia la campagna per salvare gli oceani

Chiedere all’ONU un impegno globale per frenare la dispersione di plastica che minaccia tartarughe marine, uccelli, mammiferi, pesci e l’uomo che se li mangia Solo...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,719FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Giornata mondiale dell’orso polare: la specie più minacciata dal riscaldamento globale

Il 27 febbraio ricorre la giornata mondiale dell'orso polare. E' la specie simbolo degli effetti della crisi climatica. “Se il riscaldamento globale continuasse con il...

I 5 borghi del Lazio che non potete assolutamente perdere

Storia, tradizione e luoghi incantati: cinque borghi del Lazio che non vi deluderanno sicuramente I borghi del Lazio non mancano mai stupire. Tra storia, natura...

L’indri, è a forte rischio di estinzione il lemure più grande del mondo

Il team italiano che sta studiando questo lemure si sta concentrando sulla sua alimentazione: l’indri è un geofago, si nutre di terra Nella lista rossa...

Nemi: il borgo sacro a Diana Nemorense, arcaica dea dei boschi

Anticamente il territorio nemorense apparteneva alla città latina di Aricia e la fitta vegetazione forestale che lo ricopriva era considerata sacra e sotto la...

Il platano millenario di Curinga è in lizza per diventare l’albero europeo dell’anno

Il tronco del platano di Curinga, in Calabria, ha un’apertura di oltre 3 metri. E’ in finale nel concorso Tree of the Year 2021 Il...