-13.6 C
Rome
lunedì, 08 Marzo 2021

Come proteggere le piante dall’inverno

Qualche consiglio utile per salvaguardare le nostre amate piantine durante i mesi più freddi

Con l’inverno che avanza è sempre più importante proteggere le piante dalle intemperie. Esistono diversi metodi per farlo, vediamone qualcuno insieme.

LE PIANTE E L’INVERNO

L’inverno e le basse temperature possono essere un vero problema per le nostre piante, che possono riportare grossi danni. Con il freddo infatti le piante possono perdere le foglie, appassire oppure cambiare di colore. La temperatura è sicuramente un elemento da tenere in considerazione per le fronde di alcune piante e per le radici, che vengono spesso compromesse dalle gelate. Che le vostre piante siano in giardino oppure sul terrazzo i rischi del clima rigido quindi non mancano. Per questo è importante conoscere alcune semplici operazioni che possono veramente fare la differenza nella protezione delle nostre amate piante.

CONOSCERE LE NOSTRE PIANTE

Per prima cosa è importante conoscere le piante che abbiamo in casa. Questo perché non tutte le specie reagiscono alla temperatura allo stesso modo. Infatti possono esserci piante che non soffrono affatto il freddo (anzi ne sono rinvigorite) e altre che ne risentono fortemente e hanno bisogno di maggiori cure e protezioni. Il primo passo per proteggere le vostre piante parte quindi dallo studio delle varie specie e delle loro caratteristiche, così da scegliere il trattamento più adeguato.

UNA PIANTA PULITA È UNA PIANTA PROTETTA

La seconda operazione da mettere in conto quando si avvicina la stagione fredda è quella di mantenere le vostre piante il più pulite possibile. Per le piante che lo richiedono non dimenticate di effettuare una potatura. Qualora le radici arrivino in superficie, o comunque non siano molto profonde, vi consigliamo di procedere con una pacciamatura, così da proteggerle dal freddo intenso e dalle gelate invernali. Inoltre è sempre bene controllare l’integrità dei vasi, soprattutto se sono in terracotta.

COME COPRIRE LE NOSTRE PIANTE

Con il freddo in arrivo vi dovrete procurare dei sacchi o dei teli sfusi di ‘tessuto non tessuto’ reperibili in qualsiasi ferramenta o vivaio. Con questo materiale dovrete coprire la chioma delle vostre piante, avendo cura di legare il tutto con lo spago. Naturalmente in caso di vento forte c’è il rischio che il ‘tessuto non tessuto’ faccia da ‘vela’ e che i vostri vasi si ribaltino. Vi consigliamo quindi di disporli in sicurezza per evitare cadute, soprattutto se parliamo di piante su balconi e terrazzi.

SI PUÒ USARE LA PLASTICA?

Esistono in commercio diverse tipologie di teli e teloni per la protezione delle vostre piante dal freddo invernale. Alcuni di essi sono in plastica o in nylon e possono essere una risorsa utile nelle giornate più fredde. Purtroppo rispetto al ‘tessuto non tessuto’ la plastica non lascia traspirare aria e quindi, a lungo andare, potrebbe creare un microclima ancora più freddo a contatto con le piante. Per questo vi consigliamo di utilizzare questa tipologia di teli soltanto in vista di una gelata, o nei giorni più freddi, in ogni caso per un periodo di tempo molto limitato.

Dello stesso autore

Il canarino: la pseudo-tisana digestiva delle nostre nonne

Il canarino è una bevanda digestiva a base di limone e alloro assolutamente da riscoprire Non ci sarà cenone o pranzo fuori che un canarino...

Malva: impariamo a conoscere questa pianta dalle incredibili caratteristiche depurative

Fin dall’antichità la Malva è conosciuta per le sue proprietà emollienti e drenanti, vediamo come usarla al meglio Non mancano le leggende metropolitane sulle capacità...

Le terre dei nativi americani tornano ai legittimi proprietari

Sono tante le tribù di nativi americani che stanno riacquistando le loro terre ancestrali Si tratta di vere e proprie operazioni immobiliari che puntano a...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,731FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Mausoleo di Augusto: tutto sul restauro e la riapertura dell’imponente sepolcro romano

Riaperto il primo marzo 2021 dopo 14 anni di chiusura e un lungo restauro, il Mausoleo di Augusto ha già stabilito un record: è...

Il canarino: la pseudo-tisana digestiva delle nostre nonne

Il canarino è una bevanda digestiva a base di limone e alloro assolutamente da riscoprire Non ci sarà cenone o pranzo fuori che un canarino...

Mufloni dell’isola gel Giglio destinati all’abbattimento: protestano le associazioni ambientaliste

Gli ultimi 40 mufloni dell'isola del Giglio per l'ente parco devono essere eradicati. Protestano LAV e ENPA che chiedono soluzioni alternative. Sono considerati “specie aliene”....

Vitorchiano, il borgo medievale con il Moai dell’Isola di Pasqua

Nel paesaggio incantato della Tuscia, tra noccioleti e ulivi, c'è un borgo medievale che ha conservato intatto l'antico fascino.  A Nord dei Monti Cimini, a...

Malva: impariamo a conoscere questa pianta dalle incredibili caratteristiche depurative

Fin dall’antichità la Malva è conosciuta per le sue proprietà emollienti e drenanti, vediamo come usarla al meglio Non mancano le leggende metropolitane sulle capacità...