14.3 C
Rome
giovedì, 15 Aprile 2021

Giornata mondiale dell’orso polare: la specie più minacciata dal riscaldamento globale

Il 27 febbraio ricorre la giornata mondiale dell’orso polare. E’ la specie simbolo degli effetti della crisi climatica.

“Se il riscaldamento globale continuasse con il trend attuale, nel 2035 il mare Artico potrebbe essere privo di ghiacci nei mesi estivi”. L’allarme, lanciato dal WWF, non è da prendere sotto gamba. Lo è ancora di meno in occasione della Giornata Mondiale dedicata all’orso polare (Ursus marittimus), una delle specie più minacciate dal riscaldamento globale che causa lo scioglimento dei ghiacci.

QUANTI ORSI POLARI SONO RIMASTI

“Oggi nel mondo si stima la presenza di un numero di orsi polari che va dai 16.000 ai 31.000 individui, divisi in 19 popolazioni nelle regioni artiche di Europa, Asia e America. La contrazione del loro habitat sta rendendo la specie sempre più a rischio in tutto il mondo” ha ricordato il WWF. “Il cambiamento climatico ha ridotto la distesa di ghiaccio marino che un tempo si estendeva dal Polo Nord alla Baia di Hudson meridionale. E proprio nell’area meridionale della Baia di Hudson, fra il 2011 e il 2016, è stato stimato un calo della popolazione di orsi polari pari al 17%, con la diminuzione del numero di individui da 943 a 780”.

L’ORSO POLARE ED IL RISCALDAMENTO GLOBALE

I numeri indicati sono drammatici. Ma più dei valori assoluti, è il trend che desta preoccupazione. Anche perché il 2020 ha fatto segnare un record negativo. Mai, negli ultimi 50 anni (con la sola eccezione del 2012) alla fine dell’estate la banchisa polare si era ridotta tanto. Le conseguenze del riscaldamento globale, inevitabilmente, finiscono per ridurre l’habitat dell’orso polare il cui areale, di conseguenza, si sta assottigliando. E rischia di sparire.

LE PERICOLOSE CONSEGUENZE

Per sopravvivere gli orsi polari stanno cambiando abitudini, spingendosi sempre più lontano dal loro originale habitat. Il risultato è che, così facendo, entrano in contesti antropizzati ed entrano in conflitto con l’uomo. “Fino agli anni ’70 del secolo scorso, avvistare un orso polare a Churcill, nel Manitoba (Canada), sarebbe stato un evento eccezionale. Oggi, invece – ha fatto notare il WWF – sono sempre più numerosi i casi di avvistamento di orsi, spesso denutriti e in cerca di cibo vicino alla città”.

UNA SPECIE SIMBOLO DEL RISCALDAMENTO GLOBALE

Non prendere provvedimenti contro il surriscaldamento terreste, inevitabilmente, finisce per avere ripercussioni anche sulla fauna polare. A partire del più grande degli orsi. Il suo destino, è un’efficace cartina di tornasole per comprendere quale sia lo stato di salute del pianeta. Difendere questa specie, quindi, significa impegnarsi anche contro il global warming. Non solo il 27 febbraio.

Dello stesso autore

Val di Susa, contro il rischio incendi reclutate anche 250 pecore

Per la salvaguardia delle praterie della Val di Susa l’Ente Parchi delle Alpi Cozie punta da anni su un gregge di 250 ovini Per il...

Parco fluviale del Taro: l’Eden degli uccelli migratori

Situato lungo la via Francigena, il parco fluviale del Taro oltre ad essere un luogo adatto per semplici escursioni è un paradiso per i...

Uccelli migratori: la primavera è la stagione dei ritorni

Tante specie di uccelli migratori approfittano della fine dell’inverno per far ritorno in Italia. Ecco quali sono La primavera è la stagione delle grandi migrazioni....

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,796FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Farfa: nel cuore della sabina c’è un’antica abbazia benedettina

L'Abbazia benedettina di Farfa si trova a 40 km da Roma, in Sabina, lungo la valle del fiume omonimo alle pendici del monte San Martino Le...

Arriva la Lista Rossa degli uccelli a rischio estinzione

Le specie di uccelli a rischio estinzione nel nostro Paese sono 67 su 278 prese in esame È stata pubblicata la quarta edizione della Lista...

La leggenda del Ponte del Diavolo sul fiume Serchio

La strana forma del Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano ha da sempre alimentato storie e leggende Che ci sia lo zampino del maligno...

Val di Susa, contro il rischio incendi reclutate anche 250 pecore

Per la salvaguardia delle praterie della Val di Susa l’Ente Parchi delle Alpi Cozie punta da anni su un gregge di 250 ovini Per il...

Anagni, la Città dei Papi gioiello della Ciociaria

Anagni in provincia di Frosinone è nota come la Città dei Papi, dato che ha dato i natali a ben quattro pontefici. Ma la Città...