4.8 C
Rome
domenica, 28 Febbraio 2021

NON AVEVO LA STELLA: La testimonianza di una deportazione per errore

Marisa Errico Catone da bambina subì la deportazione in un campo di concentramento e dopo anni ha deciso di scrivere un libro sulla sua terribile esperienza

IL LIBRO – “Non avevo la stella” è la testimonianza di una deportazione avvenuta per sbaglio. All’età di cinque anni la signora Marisa già scriveva versi, prima che scoppiasse la guerra e prima del martirio nel campo di concentramento. Una dieresi fu la causa di tutto: i tedeschi si convinsero che fosse un espediente per nascondere il nome, che era identico a quello di un famoso scrittore ebreo. Marisa, all’età di otto anni e mezzo, fu deportata insieme ai genitori in un lager nazista per nove mesi; soltanto dopo anni riuscì a mettere per iscritto la sua terribile esperienza, dal momento che per molto tempo a casa sua non si riusciva a parlare di quello che era successo.

LA PRIGIONIA – L’esperienza nel campo di concentramento, per chi può raccontarla, lascia un segno indelebile. “A casa non se ne parlava –racconta Marisa-  e quando cominciai a frequentare le scuole medie balbettavo, perché mi sentivo inadeguata. Prima dello scoppio della guerra, all’età di cinque anni, scrivevo versi che ho raccolto in una collana di poesie; solo per iscritto riuscivo ad esprimere quello che provavo”. “Ci si vergognava di essersi salvati e si reagiva nei modi più disparati, perché la deportazione suscitava effetti diversi, dal mutismo all’euforia”. “Nei lager si moriva per motivi banalissimi. Ricordo ancora – continua Marisa- il canto di una donna che indossava una lunga gonna nera con le rose rosse: si suicidò lanciandosi da una finestra e cantando a squarciagola una ninna nanna croata, rompendo il silenzio del lager”.

IL RITORNO – Alla domanda se ci fosse stato un momento in cui avesse pensato che non ce l’avrebbe fatta, Marisa ha risposto di no, che la sua giovane età l’aveva in qualche modo protetta da pensieri negativi. “Ci si dimenticava di avere freddo e fame -racconta Marisa- il treno che ci ha riportati in Italia aveva la locomotiva a legna; mia madre fu colpita da setticemia e le salvò la vita un infermiere napoletano, che non siamo più riusciti a rintracciare, somministrandole zucchero e limone”. “Volevo tornare a Mestre, dove forse avrei trovato conforto nei ricordi della mia infanzia, ma la mia casa non c’era più”. Dopo la pubblicazione del libro, nella primavera del 2011, fu recapitata a Marisa una lettera ora conservata in una piccola scatola, dove Marisa ha riposto anche il peluche che le ha fatto compagnia durante la prigionia. La lettera conteneva una stella e un biglietto firmato da una persona di cui Marisa non ha mai conosciuto l’identità, Jolanda, e recava la scritta: “A Marisa Errico Catone, la stella che non aveva.”

Angela Franco

Dello stesso autore

Nemi: il borgo sacro a Diana Nemorense, arcaica dea dei boschi

Anticamente il territorio nemorense apparteneva alla città latina di Aricia e la fitta vegetazione forestale che lo ricopriva era considerata sacra e sotto la...

John Keats: 200 anni dalla morte del poeta che scrisse il suo nome sull’acqua

Il grande poeta romantico inglese morì il 23 febbraio 1821, a soli 25 anni. Due secoli dopo, artisti e scrittori si mobilitano per celebrarlo,...

Mortara, una cittadina ricca di storia: tappa obbligata della via Francigena

Mortara, cittadina della provincia di Pavia, vanta un passato ricco di storia. E' un importante luogo di sosta lungo la Via Francigena. Un'esperienza unica in...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,719FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Giornata mondiale dell’orso polare: la specie più minacciata dal riscaldamento globale

Il 27 febbraio ricorre la giornata mondiale dell'orso polare. E' la specie simbolo degli effetti della crisi climatica. “Se il riscaldamento globale continuasse con il...

I 5 borghi del Lazio che non potete assolutamente perdere

Storia, tradizione e luoghi incantati: cinque borghi del Lazio che non vi deluderanno sicuramente I borghi del Lazio non mancano mai stupire. Tra storia, natura...

L’indri, è a forte rischio di estinzione il lemure più grande del mondo

Il team italiano che sta studiando questo lemure si sta concentrando sulla sua alimentazione: l’indri è un geofago, si nutre di terra Nella lista rossa...

Nemi: il borgo sacro a Diana Nemorense, arcaica dea dei boschi

Anticamente il territorio nemorense apparteneva alla città latina di Aricia e la fitta vegetazione forestale che lo ricopriva era considerata sacra e sotto la...

Il platano millenario di Curinga è in lizza per diventare l’albero europeo dell’anno

Il tronco del platano di Curinga, in Calabria, ha un’apertura di oltre 3 metri. E’ in finale nel concorso Tree of the Year 2021 Il...