-3.7 C
Rome
mercoledì, 27 Gennaio 2021

Cosa sono i marchi europei di qualità per l’agroalimentare?

DOP, IGP, SGT e BIO, sono marchi riconosciuti in tutta Europa, ma in quanti sanno distinguerli?

Anche l’Unione Europea ha realizzato alcune certificazioni di qualità per i prodotti agroalimentari. Alcuni ricalcano le denominazioni italiane, mentre altre introducono categorie completamente nuove. Vediamoli nel dettaglio.

UNA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ EUROPEA

Come avviene nel mercato italiano, anche gli altri Paesi dell’Unione hanno prodotti particolari e unici da tutelare. Per questo sono state realizzate delle denominazioni europee che solo in alcuni casi ricalcano quanto protetto e certificato in Italia. Infatti nel nostro Paese sono migliaia i prodotti che negli anni hanno raggiunto standard di qualità altissimi nel rispetto della tradizione agroalimentare, tanto da ottenere il record a livello europeo per il numero dei prodotti certificati.

I MARCHI A LIVELLO EUROPEO

Esistono marchi di qualità riconosciuti a livello europeo che in Italia vengono rilasciati da entri certificatori autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole. Si tratta dei marchi DOP (Denominazione di Origine Protetta), IGP (Indicazione Geografica Protetta), STG (Specialità Tradizionale Garantita) e il marchio BIO per l’agricoltura biologica. C’è da sottolineare che a livello italiano dal 2010 la certificazione IGT risulta ricompresa nel marchio europeo IGP, mentre la DOC e la DOCG rientrano nel marchio DOP. Vediamo ora le caratteristiche dei singoli marchi.

DOP – Denominazione d’Origine Protetta

Questo marchio si riferisce ad un prodotto le cui qualità e caratteristiche siano essenzialmente, o esclusivamente, dovute all’ambiente geografico in cui viene prodotto. Naturalmente per ottenere queste denominazione l’intera produzione e trasformazione del prodotto devono avvenire nell’area identificata.

IGP – Indicazione Geografica Protetta

Questo marchio di qualità identifica dei prodotti alimentari che, seppur caratterizzati da un legame con il territorio di origine, siano prodotti in altre zone. Ad essere tutelate in questo caso sono le tecniche di produzione rispetto al vincolo territoriale.

STG – Specialità Tradizionale Garantita

Quando un prodotto non ha una specificità regionale ma legata ai metodi di produzione o trasformazione tradizionali, allora è il marchio STG a fare la sua comparsa. I produttori devono rispettare la ricetta tradizionale senza vincoli geografici per le materie prime e il luogo di produzione.

BIO – Agricoltura Biologica

Il logo europeo BIO assicura che almeno il 95% degli ingredienti sono stati prodotti con metodo biologico. Il prodotto BIO proviene direttamente dal produttore o è preparato in una confezione sigillata. Sull’etichetta ha il nome dell’addetto alla lavorazione, del produttore o del venditore e il nome del codice dell’organismo che ha effettuato l’ispezione.

Dello stesso autore

Rinoceronte di Giava: il grosso mammifero più a rischio d’estinzione

Un tempo era il rinoceronte più diffuso in Asia. Ora rimangono una settantina di esemplari, confinati in una sola riserva naturale La morte di Sudan,...

Scopriamo cos’è il Nordic Walking

Bastoncini alla mano e si cammina, ecco cos’è “il più efficiente e piacevole allenamento al mondo” Negli ultimi anni questa disciplina sportiva è diventata comune...

Focaccine allo zaatar, un piatto forte della cucina mediorientale

Vediamo insieme qual è il modo più semplice per preparare le maanayesh e lo zaatar Per quanti di voi hanno avuto la fortuna di viaggiare...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,684FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Rinoceronte di Giava: il grosso mammifero più a rischio d’estinzione

Un tempo era il rinoceronte più diffuso in Asia. Ora rimangono una settantina di esemplari, confinati in una sola riserva naturale La morte di Sudan,...

Scopriamo cos’è il Nordic Walking

Bastoncini alla mano e si cammina, ecco cos’è “il più efficiente e piacevole allenamento al mondo” Negli ultimi anni questa disciplina sportiva è diventata comune...

Focaccine allo zaatar, un piatto forte della cucina mediorientale

Vediamo insieme qual è il modo più semplice per preparare le maanayesh e lo zaatar Per quanti di voi hanno avuto la fortuna di viaggiare...

Le foglie di tè si possono riutilizzare?

Alcuni tè artigianali danno il loro meglio solo nella seconda infusione, mentre altri assumono aromi molto più delicati se utilizzati più volte. Scopriamo insieme...

Stop agli sprechi: 10 consigli per un bucato green

Come risparmiare e proteggere l’ambiente mentre facciamo il nostro bucato Bastano poche semplici accortezze per abbassare sensibilmente i costi legati al nostro bucato, diminuendo anche...