14.3 C
Rome
giovedì, 15 Aprile 2021

Malva: impariamo a conoscere questa pianta dalle incredibili caratteristiche depurative

Fin dall’antichità la Malva è conosciuta per le sue proprietà emollienti e drenanti, vediamo come usarla al meglio

Non mancano le leggende metropolitane sulle capacità dimagrenti della Malva, scopriamo insieme cosa c’è di vero e quali sono i reali effetti di questa pianta sul nostro organismo

LE ORIGINI DELLA MALVA

Il nome botanico della Malva è Malva sylvestris, si tratta di una pianta perenne originaria delle regioni Sud dell’Europa e dell’Asia. Oggi è diffusa un po’ in tutta Europa, ma il suo clima preferito resta quello delle latitudini temperate e sub tropicali. Ha una crescita spontanea ed è ben conosciuta fin dai tempi antichi.

malva-fiore-ambientato-la-lente-web

COME SI PRESENTA QUESTA PIANTA

Generalmente non raggiunge dimensioni eccessive, la sua pianta arriva al massimo ad 80cm e presenta foglie verdi e fitte. La fioritura è in estate, quando si possono ammirare gli splendidi fiori striati che vanno dal rosa al violaceo (il caratteristico color malva).

LA MALVA NELLA STORIA

Questa pianta è conosciuta fin dai tempi antichi soprattutto per le sue caratteristiche emollienti, drenanti e lassative. Infatti il suo nomo deriva dal termine latino che ha il significato di ammorbidire. Pensate che lo stesso Ippocrate, il padre della medicina, la consigliava per alleviare i disturbi intestinali. Nel tempo è poi divenuta utilizzata in cucina soprattutto dalle persone più povere, proprio perché cresce spontaneamente ed è molto saporita.

malva-fiore-la-lente-web

LA SUE PROPRIETÀ

Questa pianta è molto utilizzata perché capace di proteggere le mucose, inoltre contiene tantissime vitamine e principi attivi.

  • Acido galatturonico
  • Vitamina A
  • Vitamina B1
  • Vitamina C
  • Vitamina E
  • Carotene
  • Potassio
  • Tannini
  • Flavonoidi

Per la caratteristica di contenere tutte queste sostanze, la Malva è utilissima nell’alleviare molti disturbi che possono affliggere il nostro organismo. Tra questi possiamo ricordare:

  • Disturbi respiratori
  • Disturbi digestivi
  • Capacità antinfiammatoria
  • Capacità emolliente

malva-fiore-rosa-la-lente-web

USANDO LA MALVA SI DIMAGRISCE?

La risposta a questa domanda è No. Anche se bisogna ricordare che questa pianta ha delle spiccate caratteristiche drenanti e depurative. Quindi se abbinata ad una dieta sana ed equilibrata, assieme ad un esercizio fisico costante, sicuramente vi aiuterà a perdere un po’ di liquidi in eccesso e quindi a ridurre la sensazione di gonfiore. Anche la malva quindi, come altre piante e spezie conosciute per aiutare a bruciare i grassi, non è di certo una sostanza magica, ma in determinate condizioni può essere un valido aiuto.

Dello stesso autore

Arriva la Lista Rossa degli uccelli a rischio estinzione

Le specie di uccelli a rischio estinzione nel nostro Paese sono 67 su 278 prese in esame È stata pubblicata la quarta edizione della Lista...

La leggenda del Ponte del Diavolo sul fiume Serchio

La strana forma del Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano ha da sempre alimentato storie e leggende Che ci sia lo zampino del maligno...

Anagni, la Città dei Papi gioiello della Ciociaria

Anagni in provincia di Frosinone è nota come la Città dei Papi, dato che ha dato i natali a ben quattro pontefici. Ma la Città...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,796FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Farfa: nel cuore della sabina c’è un’antica abbazia benedettina

L'Abbazia benedettina di Farfa si trova a 40 km da Roma, in Sabina, lungo la valle del fiume omonimo alle pendici del monte San Martino Le...

Arriva la Lista Rossa degli uccelli a rischio estinzione

Le specie di uccelli a rischio estinzione nel nostro Paese sono 67 su 278 prese in esame È stata pubblicata la quarta edizione della Lista...

La leggenda del Ponte del Diavolo sul fiume Serchio

La strana forma del Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano ha da sempre alimentato storie e leggende Che ci sia lo zampino del maligno...

Val di Susa, contro il rischio incendi reclutate anche 250 pecore

Per la salvaguardia delle praterie della Val di Susa l’Ente Parchi delle Alpi Cozie punta da anni su un gregge di 250 ovini Per il...

Anagni, la Città dei Papi gioiello della Ciociaria

Anagni in provincia di Frosinone è nota come la Città dei Papi, dato che ha dato i natali a ben quattro pontefici. Ma la Città...