3.8 C
Rome
domenica, 28 Febbraio 2021

SMETTO QUANDO VOGLIO MASTERCLASS: E’ tornata la banda più colta d’Italia!

Torna la banda criminale più colta d’Italia: dopo il successo del primo episodio è nata una trilogia molto divertente, che lascia spazio a una riflessione sulla nostra società moderna

LA BANDA –  Dopo il successo del primo episodio di quella che è diventata una trilogia, torna all’opera la banda più colta d’Italia. La geniale trovata di una straordinaria droga legale aveva reso ricca e famigerata una banda di coltissimi ricercatori – latinisti, economisti, archeologi e chimici- frustrati dal mancato riconoscimento professionale e dalla mancanza di meritocrazia, elementi peculiari della nostra società. L’introduzione di questa droga legale aveva trasformato i ricercatori in criminali, lasciando spazio al secondo episodio.

IL SEGUITO – Nel secondo atto della trilogia è la polizia ad aver bisogno della banda, per frenare il dilagare delle smart drugs sul mercato delle droghe. L’ispettore antidroga Paola Coletti chiederà a Pietro Zinni e i suoi colleghi di ricomporre la banda e agire nell’ombra in cambio della fedina penale pulita. Pietro allora dovrà andare alla ricerca di tutti i vecchi componenti della banda, “cervelli in fuga” scappati all’estero, per portare a termine questa nuova missione e preparare il finale della trilogia.

IL MESSAGGIO – Nonostante il tono ironico ed esilarante che caratterizza l’andamento generale del film, con inseguimenti, assalti, rocambolesche situazioni, esplosioni e molteplici imprevisti che la banda si troverà ad affrontare, il film tratta argomenti attuali e significativi. Non solo si affronta il tema della meritocrazia e il fenomeno dei “cervelli in fuga”, ma è evidente il riferimento ai molteplici talenti italiani sprecati sul nostro mercato del lavoro e che invece meriterebbero maggiori possibilità di inserimento professionale.

Angela Franco

Foto: La Repubblica

 

 

Dello stesso autore

Nemi: il borgo sacro a Diana Nemorense, arcaica dea dei boschi

Anticamente il territorio nemorense apparteneva alla città latina di Aricia e la fitta vegetazione forestale che lo ricopriva era considerata sacra e sotto la...

John Keats: 200 anni dalla morte del poeta che scrisse il suo nome sull’acqua

Il grande poeta romantico inglese morì il 23 febbraio 1821, a soli 25 anni. Due secoli dopo, artisti e scrittori si mobilitano per celebrarlo,...

Mortara, una cittadina ricca di storia: tappa obbligata della via Francigena

Mortara, cittadina della provincia di Pavia, vanta un passato ricco di storia. E' un importante luogo di sosta lungo la Via Francigena. Un'esperienza unica in...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,719FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Giornata mondiale dell’orso polare: la specie più minacciata dal riscaldamento globale

Il 27 febbraio ricorre la giornata mondiale dell'orso polare. E' la specie simbolo degli effetti della crisi climatica. “Se il riscaldamento globale continuasse con il...

I 5 borghi del Lazio che non potete assolutamente perdere

Storia, tradizione e luoghi incantati: cinque borghi del Lazio che non vi deluderanno sicuramente I borghi del Lazio non mancano mai stupire. Tra storia, natura...

L’indri, è a forte rischio di estinzione il lemure più grande del mondo

Il team italiano che sta studiando questo lemure si sta concentrando sulla sua alimentazione: l’indri è un geofago, si nutre di terra Nella lista rossa...

Nemi: il borgo sacro a Diana Nemorense, arcaica dea dei boschi

Anticamente il territorio nemorense apparteneva alla città latina di Aricia e la fitta vegetazione forestale che lo ricopriva era considerata sacra e sotto la...

Il platano millenario di Curinga è in lizza per diventare l’albero europeo dell’anno

Il tronco del platano di Curinga, in Calabria, ha un’apertura di oltre 3 metri. E’ in finale nel concorso Tree of the Year 2021 Il...