4.8 C
Rome
domenica, 28 Febbraio 2021

DISCARICA FALCOGNANA: C’è una distesa di rifiuti pericolosi

Alla fine la discarica a Falcognana è stata realizzata. Ma in maniera del tutto abusiva e ad appena poche decine di metri dagli invasi dove si era pensato di realizzare il post-Malagrotta.


LA DISCARICA ABUSIVA – Il Comitato di Quartiere ha documentato una distesa impressionante di rifiuti. Sono stati abbandonati a ridosso della rotatoria prevista in via di Porta Medaglia, tra la borgata di Falcognana ed il sito della Ecofer. La segnalazione, è stata inoltrata al Corpo di Polizia Locale del Municipio IX.

RIFIUTI PERICOLOSI – Emanuele Belluzzo, neopresidente del CdQ Falcognana, ci ha fatto sapere che, a diversi giorni dall’esposto, nessuno è intervenuto a bonificare il sito. Nella lettera inoltrata alla Polizia Locale, si faceva presente che “tra i rifiuti speciali pericolosi abbandonati è presente anche materiale in cemento amianto”. Insieme a tonnellate di altri rifiuti, sono stati sversati  all’interno della rotatoria non ancora completata tra via Ardeatina e via Porta Medaglia.

MATERIALE DA RISULTA – Come ha fatto notare il Presidente del CdQ “sono stati scaricati rifiuti ingombranti in gran parte originati da attività edili, ma sono presenti anche pezzi di eternit ed apparecchiature fuori uso”. Di conseguenza, finora senza fortuna, è stata chiesta “la bonifica di tutti i rifiuti pericolosi e la rimozione di tutti i cumuli di  rifiuti rimanenti”.

UN’ AREA DI PREGIO – A meno di un centinaio di metri da quest’improvvisata discarica, ne doveva sorgere un’altra che, per molti mesi, ha catalizzato la protesta dei residenti. Molti di loro segnalavano il fatto che, la zona, fosse di pregio per le coltivazioni che vi erano realizzate, per la prossimità con il parco dell’Appia Antica e per la presenza di un vincolo a tutela integrale. E’ quindi paradossale che, scampato il pericolo, qualcuno sia comunque riuscito ad utilizzare la zona, come discarica di servizio. Anzi, non è paradossale. E’ semplicemente inaccettabile.

Fabio Grilli

Dello stesso autore

Il platano millenario di Curinga è in lizza per diventare l’albero europeo dell’anno

Il tronco del platano di Curinga, in Calabria, ha un’apertura di oltre 3 metri. E’ in finale nel concorso Tree of the Year 2021 Il...

Stelvio: in vendita lo storico rifugio città di Milano

Sulle Alpi l'ex rifugio città di Milano (in tedesco Schaubachhütte) è stato messo in vendita. La struttura, 25 letti nel bivacco a cui si aggiungono...

Plastic free, il WWF lancia la campagna per salvare gli oceani

Chiedere all’ONU un impegno globale per frenare la dispersione di plastica che minaccia tartarughe marine, uccelli, mammiferi, pesci e l’uomo che se li mangia Solo...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,719FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Giornata mondiale dell’orso polare: la specie più minacciata dal riscaldamento globale

Il 27 febbraio ricorre la giornata mondiale dell'orso polare. E' la specie simbolo degli effetti della crisi climatica. “Se il riscaldamento globale continuasse con il...

I 5 borghi del Lazio che non potete assolutamente perdere

Storia, tradizione e luoghi incantati: cinque borghi del Lazio che non vi deluderanno sicuramente I borghi del Lazio non mancano mai stupire. Tra storia, natura...

L’indri, è a forte rischio di estinzione il lemure più grande del mondo

Il team italiano che sta studiando questo lemure si sta concentrando sulla sua alimentazione: l’indri è un geofago, si nutre di terra Nella lista rossa...

Nemi: il borgo sacro a Diana Nemorense, arcaica dea dei boschi

Anticamente il territorio nemorense apparteneva alla città latina di Aricia e la fitta vegetazione forestale che lo ricopriva era considerata sacra e sotto la...

Il platano millenario di Curinga è in lizza per diventare l’albero europeo dell’anno

Il tronco del platano di Curinga, in Calabria, ha un’apertura di oltre 3 metri. E’ in finale nel concorso Tree of the Year 2021 Il...