15.8 C
Rome
giovedì, 18 Agosto 2022

Cordoba: il gioiello dell’Andalusia con la celebre moschea-cattedrale

Una delle “tre grandi” dell’Andalusia, tappa imperdibile di ogni itinerario nella Spagna del Sud, Cordoba conquista i suoi visitatori con le sue atmosfere arabe

Cordova è nota in tutto il mondo per la sua Moschea-Cattedrale. Il centro storico monumentale dichiarato Patrimonio Mondiale è pieno di piccole strade irresistibili, cortili floreali, piazze meravigliose e vivaci taverne che offrono la possibilità di partecipare a interessanti spettacoli di flamenco o dove degustare i piatti tipici.

LA CITTA’ DI CORDOBA

La Spagna, geograficamente e in qualche modo culturalmente vicina all’Italia, è una delle mete più ambite sia da chi cerca bel mare che da chi è invece attratto da cibo, cultura e divertimento. L’Andalusia , tra le destinazioni più scelte e richieste e Cordoba, insieme a Granada e Siviglia, è una delle tappe obbligatorie di un viaggio nel Sud della Spagna. Cordoba è una delle province più famose dell’Andalusia: case bianche con porte e finestre colorate di giallo, profumo di cibo, vicoli che si rincorrono e un passato glorioso testimoniato dalle tante architetture presenti.

La storia di Cordoba

Fondata dai Romani con il nome di Corduba, l’attuale Cordoba mantiene i segni del passato romano e li mescola ai segni del passaggio degli Arabi. Città fondamentale nel passato, fu Capitale della Provincia Romana di Betica e per importanza venne considerata alla stregua di Roma, complice anche la sua posizione strategica. La magnificenza di Cordoba ha fatto sì che il suo centro storico venisse dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, dopo essere stato nominato anche il centro storico più grande e ben mantenuto d’Europa.

MEZQUITA DI CORDOBA

La Mezquita è probabilmente l’attrazione più conosciuta di Cordoba, quella con cui la città viene solitamente identificata. Il motivo è semplice: la Mezquita è davvero una sorprendente testimonianza del grandioso passato di Cordoba. La particolarità di questa struttura è di mescolare sapientemente l’architettura islamica con l’architettura cristiana, che si alternano sui 23.400 mq, le 9 navate e le 856 colonne. Da non perdere la visita al Patio de los Naranjos, minareto e la Cattedrale di Cordoba, tutti dentro la Mezquita. Imperdibile anche il Campanile da cui si gode di una splendida vista di Cordoba.

Palazzo de Viana e Medina Azahara

Il Palazzo de Viana possiede 12 cortili in fiore, saloni riccamente decorati, e presenta la classica architettura araba colorata, in un tripudio di colori mozzafiato. La Medina Azahara si trova a circa 7 Km dal centro di Cordoba ed è il centro archeologico più grande della Spagna. Si tratta di un antico palazzo nobiliare del 936 d.C. Nel luglio 2018 Medina Azahara è stata inserita tra le zone turistiche Patrimonio Unesco. Oggi si possono visitare circa il 20% degli scavi, che sono tuttora in corso e che stanno portando alla luce una delle strutture più incredibili del passato.

Alcazar de los Reyes Cristianos

L’Alcazar de Los Reyes Cristianos non è così famosa come quella di Siviglia ma merita davvero una visita, per comprendere la complessità di Cordoba e la sua grandezza. I giardini moreschi sono splendidi in primavera e dalla torre più alta si gode di una splendida vista sul Puente Romano e sulla città. Per completare la visita è consigliabile acquistare il biglietto cumulativo che, permetterà di visitare anche i Baños Califales.

Puente Romano e la Torre de la Calahorra

Il ponte romano di Cordoba è davvero l’elemento che lega la vecchia città alla nuova. Il ponte si estende sul fiume Guadalquivir e si compone di 16 archi (restaurati vari volte nel corso dei secoli). Attraversare il ponte è una tradizione imperdibile ma per ammirarlo al meglio è preferibile recarsi presso il Mirador della Puerta del Puente o presso la torre dell’Alcázar. La Torre de la Calahorra di Cordoba risale alla dominazione araba, quando venne costruita come fortezza per proteggere la città dalle invasioni. All’interno della torre si trova il Museo de las Tres Culturas, mentre è imperdibile la terrazza della torre, da dove si può ammirare la città, il ponte e il fiume dall’alto.

Plaza de la Corredera e Plaza de las Tendillas

Una delle piazze più fotografate di Cordoba, la Corredera, ricalca da vicino la struttura della Plaza Mayor di Madrid, aggiungendo dei tocchi di colore che la rendono davvero unica. I tavoli all’aperto di bar e ristoranti da primavera ad autunno inoltrato rendono la Plaza de La Corredera ancora più vivace e colorata. Da non perdere anche Plaza de las Tendillas, vecchio snodo commerciale di Cordoba e oggi una zona ricca di ristoranti, bar e locali di vario tipo, dove rilassarsi e divertirsi. E’ da qui che si diramano le strade dello shopping più famose di Cordoba. Una curiosità: i rintocchi dell’orologio in piazza sono arpeggi di chitarra con i ritmi del flamenco.

Juderia e Sinagoga

L’antico quartiere ebraico è un intreccio di strade strette, facciate basse e colorate di bianco e giallo. Basta camminare per le strade per lasciarsi incantare dalle tante opportunità fotografiche. In Callejon de las Flores c’è uno scorcio davvero da cartolina con una splendida vista sulla Mezquita: il luogo è molto turistico ma vale la pena aspettare per la perfetta foto di Cordoba. All’interno della Juderia, la Sinagoga mescola elementi della cultura cristiana ed elementi della cultura araba. E’ una delle tre sinagoghe rimaste in Spagna (le altre due si trovano entrambe a Toledo). Non è grande quanto altre strutture simili in altre zone d’Europa ma è comunque interessante da visitare per il suo stile mudéjar.

Dello stesso autore

Serra moresca: riapre al pubblico il complesso situato all’interno di Villa Torlonia

Inserito nel circuito dei Musei di Villa Torlonia, il complesso della Serra Moresca è stato ristrutturato e riaperto al pubblico  Oltrepassato il cancello che affaccia su via...

CODA: Il film trionfa nella notte degli Oscar vincendo ben tre statuette

Il film che ha emozionato l'America è la versione in lingua inglese de "La famiglia Bélier" Era candidato a tre premi Oscar e li ha portati a...

E’ stata la mano di Dio: l’ultimo film di Sorrentino finalista agli Oscar 2022

“E’ stata la mano di Dio”, ambientato nella Napoli degli anni ’80, epoca del mito di Maradona, è finalista agli Oscar 2022 come miglior...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,967FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Serra moresca: riapre al pubblico il complesso situato all’interno di Villa Torlonia

Inserito nel circuito dei Musei di Villa Torlonia, il complesso della Serra Moresca è stato ristrutturato e riaperto al pubblico  Oltrepassato il cancello che affaccia su via...

CODA: Il film trionfa nella notte degli Oscar vincendo ben tre statuette

Il film che ha emozionato l'America è la versione in lingua inglese de "La famiglia Bélier" Era candidato a tre premi Oscar e li ha portati a...

Lince iberica, in ripresa ma resta il felino più raro d’Europa

La lince iberica è il felino più minacciato del vecchio continente. Grazie agli sforzi messi in campo dal WWF e dall’Unione Europea oggi ci...

E’ stata la mano di Dio: l’ultimo film di Sorrentino finalista agli Oscar 2022

“E’ stata la mano di Dio”, ambientato nella Napoli degli anni ’80, epoca del mito di Maradona, è finalista agli Oscar 2022 come miglior...

Al Museo Civico di Zoologia riapre la mostra “La Via delle Api”

Dal 4 febbraio fino al 29 maggio torna il percorso espositivo dedicato al mondo delle api e al ruolo che esse svolgono per la...