14.3 C
Rome
giovedì, 15 Aprile 2021

Ciclovia dei Borboni: un coast to coast tutto italiano da Bari a Napoli

La Ciclovia dei Borboni è un percorso da 340 chilometri tra Puglia, Basilicata e Campania

Dall’Adriatico al Tirreno lungo la Ciclovia dei Borboni, un viaggio indimenticabile tra le bellezze del Sud Italia.

LA CICLOVIA DEI BORBONI

La Ciclovia dei Borboni rappresenta un vero coast to coast italiano. Si collega l’Adriatico al Tirreno partendo da Bari per arrivare a Napoli, attraversando Puglia, Basilicata e Campania. Questo percorso è stato inaugurato per la prima volta dalla Fiab il 12 giugno 2010 in occasione della decima edizione della “Bicistaffetta”. Nei suoi 340 chilometri la Ciclovia attraversa gli splendidi paesaggi del Sud Italia, mettendo però alla prova il ciclista.

ciclovia-dei-borboni
www.bikeitalia.it

UN PERCORSO NON PER TUTTI

Mettiamolo subito in chiaro: la Ciclovia dei Borboni è un itinerario adatto ai ciclisti più allenati. Questo sia per i molti dislivelli presenti lungo il percorso, che per il transito su strade anche molto trafficate. Infatti la Ciclovia corre solo per l’1% del suo percorso su pista ciclabile, in corrispondenza dei centri urbani.

IL PERCORSO IN PUGLIA

La Ciclovia dei Borboni parte dalla stazione centrale di Bari, dalla quale si possono raggiungere velocemente la basilica di San Nicola e il Castello Normanno-Svevo, prima di uscire dalla città in direzione della Madonna della Grotta, un Santuario dell’VIII secolo. Il percorso si snoda in questo tratto tra strade molto trafficate, fino alla zona di Castel del Monte e del Parco nazionale dell’Alta Murgia con i suoi paesaggi.

ciclovia-dei-borboni-bari-la-lente-web
Bari – Castello Normanno-Svevo

LE VARIANTI DELLA CICLOVIA DEI BORBONI

Dal percorso su territorio pugliese esistono due diverse varianti che allungano di qualche chilometro la Ciclovia dei Borboni.

  • La variante Matera allunga il percorso di 153 chilometri ed è meno trafficata rispetto all’itinerario originale, correndo lungo il confine tra Puglia e Basilicata. Questa variante permette la visita ai famosi Sassi e ai rioni storici di Matera. Proprio in questo tratto la Ciclovia si interseca con il percorso dell’Eurovelo 5, la via Romea Francigena.
  • La variante S. Magno-Spinazzola passa all’interno del parco nazionale dell’Alta Murgia e si ricongiunge con la Ciclovia dei Borboni a Montemilociclovia-dei-borboni-murgia-la-lente-web

LA CICLOVIA DEI BORBONI IN BASILICATA

Una volta che si si è lasciati alle spalle il Parco Nazionale dell’Alta Murgia si passa in Basilicata nella zona del Vulture. Qui in passato si è combattuta la lotta silenziosa tra le bande dei briganti e il nascente Regno d’Italia. Nel Volture la ciclovia si ricongiunge la variante che passa per Matera, prima di avvicinarsi al paese di Atella, famoso per la produzione di vino e olio, come del resto l’intera zona.

ciclovia-dei-borboni-napoli-la-lente-web

LA CICLOVIA IN CAMPANIA

Dalla Valle dell’Ofanto si passa in Campania, l’ultima regione attraversata dalla Ciclovia dei Borboni. Nel tratto irpino del percorso non si incontrano strade troppo trafficate, pur dovendo affrontare molti dislivelli che vi metteranno a dura prova fino ad Avellino. Successivamente il percorso inizia a scendere in direzione del capoluogo partenopeo fino a giungere alla ciclabile di Pomigliano d’Arco che arriva fino alle porte di Napoli, dove incontra la Ciclopista del Sole. Nella capitale di quello che era il Regno Borbonico non mancano di certo i luoghi da visitare. Vi consigliamo quindi di prendervi un paio di giorni di riposo dopo le fatiche della pedalata, approfittandone per ammirare le bellezze e assaporare le specialità napoletane.

Dello stesso autore

Arriva la Lista Rossa degli uccelli a rischio estinzione

Le specie di uccelli a rischio estinzione nel nostro Paese sono 67 su 278 prese in esame È stata pubblicata la quarta edizione della Lista...

La leggenda del Ponte del Diavolo sul fiume Serchio

La strana forma del Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano ha da sempre alimentato storie e leggende Che ci sia lo zampino del maligno...

Anagni, la Città dei Papi gioiello della Ciociaria

Anagni in provincia di Frosinone è nota come la Città dei Papi, dato che ha dato i natali a ben quattro pontefici. Ma la Città...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,796FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Farfa: nel cuore della sabina c’è un’antica abbazia benedettina

L'Abbazia benedettina di Farfa si trova a 40 km da Roma, in Sabina, lungo la valle del fiume omonimo alle pendici del monte San Martino Le...

Arriva la Lista Rossa degli uccelli a rischio estinzione

Le specie di uccelli a rischio estinzione nel nostro Paese sono 67 su 278 prese in esame È stata pubblicata la quarta edizione della Lista...

La leggenda del Ponte del Diavolo sul fiume Serchio

La strana forma del Ponte del Diavolo di Borgo a Mozzano ha da sempre alimentato storie e leggende Che ci sia lo zampino del maligno...

Val di Susa, contro il rischio incendi reclutate anche 250 pecore

Per la salvaguardia delle praterie della Val di Susa l’Ente Parchi delle Alpi Cozie punta da anni su un gregge di 250 ovini Per il...

Anagni, la Città dei Papi gioiello della Ciociaria

Anagni in provincia di Frosinone è nota come la Città dei Papi, dato che ha dato i natali a ben quattro pontefici. Ma la Città...