15.8 C
Rome
giovedì, 18 Agosto 2022

Dopo 500 anni tornano i castori anche in Italia

I castori in Italia si erano estinti nel 1500, ma ora ci sono stati nuovi avvistamenti tra Friuli e Trentino

L’estinzione dei castori in Italia si è verificata a causa della caccia indiscriminata alla ricerca della loro pregiata pelliccia, della carne e dell’olio prodotto dalle loro ghiandole.

DOPO 500 ANNI TORNANO I CASTORI IN ITALIA

Sono diversi avvistamenti effettuati negli ultimi anni a far ben sperare per il ritorno dei castori in Italia. Dopo circa 500 anni infatti un primo esemplare è arrivato nel 2018 nei pressi dei laghi di Fusine a Tarvisio (Udine). Un evento salutato con gioia, ma anche con molta prudenza vista l’eccezionalità dell’avvistamento. Ci sono voluti circa due anni per confermare la presenza del castoro, ma questa volta ci hanno pensato le fototrappole piazzate dal guardiacaccia Reinhard Pipperger in Val Pusteria (Alto Adige). Si è deciso di piazzare le telecamere nel bosco dopo diversi indizi lasciati dal castoro dietro di sé. Nei giorni precedenti l’avvistamento infatti, il guardiacaccia aveva trovato rami e tronchi rosicchiati e disposti ordinatamente.

castori-in-italia-la-lente-web-05

DA DOVE ARRIVANO I CASTORI TORNATI IN ITALIA

Al momento non è ancora chiaro quale sia stato il percorso fatto da questi castori per tornare nel nostro Paese. Con molta probabilità provengono dall’Austria dove questa specie è stata reintrodotta già a partire dagli anni Settanta. L’espansione dei castori si è quindi diretta in Carinzia e nella Valle del Gail, un vero e proprio ‘corridoio’ naturale per questi esemplari.

castori-in-italia-la-lente-web-01

CACCIATI FINO ALL’ESTINZIONE

I castori in Italia si sono estinti all’incirca alla metà del 1500. Fino ad allora infatti venivano cacciati tantissimo per ricavare la loro preziosa pelliccia, per la carne, ma soprattutto per un olio prodotto dalle loro ghiandole. I castori utilizzano questa secrezione per marcare il territorio e comunicare con i loro simili, ma già a partire dal medioevo quest’olio (con un odore a metà tra il cuoio e la vaniglia) era molto utilizzato nella produzione di pregiatissimi profumi.

castori-in-italia-la-lente-web-04

A COSA SERVONO QUESTI ANIMALI 

Al momento non è facile stimare quale potrà essere il futuro dei castori in Italia. Non è chiaro se gli esemplari avvistati siano soli oppure in compagnia e se quindi possano riprodursi. Certo è che il loro ritorno dopo 500 anni è sicuramente una buona notizia. Soprattutto se pensiamo a quale moltiplicatore di biodiversità siano i castori con le loro attività. Questi grandi architetti delle dighe infatti, sbarrando o modificando il corso di ruscelli e fiumi, possono dare vita a piccole zone umide, dove in brevissimo tempo la biodiversità può anche raddoppiare. Certo non mancano nemmeno i problemi, infatti i loro lavori di ingegneria idraulica potrebbero creare non pochi problemi alle attività umane, ma per il momento non sembra esserci alcun motivo per preoccuparsene.

Dello stesso autore

Mai sentito parlare del cane procione?

Non preoccupatevi, anche i più esperti animalisti spesso non distinguono il cane procione da altre specie simili Il cane procione sta pian piano arrivando anche...

Chi ci salverà dal gambero rosso della Louisiana?

Cosa sappiamo del gambero rosso della Louisiana, la specie killer che si riproduce a vista d’occhio La specie del gambero rosso della Louisiana è ormai...

Ecco il metodo migliore per conservare le spezie

Conservare le spezie in casa non sempre è facile, ma basta seguire alcune semplici regole Scopriamo quali accorgimenti bisogna prendere per conservare le spezie ed...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,967FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Serra moresca: riapre al pubblico il complesso situato all’interno di Villa Torlonia

Inserito nel circuito dei Musei di Villa Torlonia, il complesso della Serra Moresca è stato ristrutturato e riaperto al pubblico  Oltrepassato il cancello che affaccia su via...

CODA: Il film trionfa nella notte degli Oscar vincendo ben tre statuette

Il film che ha emozionato l'America è la versione in lingua inglese de "La famiglia Bélier" Era candidato a tre premi Oscar e li ha portati a...

Lince iberica, in ripresa ma resta il felino più raro d’Europa

La lince iberica è il felino più minacciato del vecchio continente. Grazie agli sforzi messi in campo dal WWF e dall’Unione Europea oggi ci...

E’ stata la mano di Dio: l’ultimo film di Sorrentino finalista agli Oscar 2022

“E’ stata la mano di Dio”, ambientato nella Napoli degli anni ’80, epoca del mito di Maradona, è finalista agli Oscar 2022 come miglior...

Al Museo Civico di Zoologia riapre la mostra “La Via delle Api”

Dal 4 febbraio fino al 29 maggio torna il percorso espositivo dedicato al mondo delle api e al ruolo che esse svolgono per la...