11.9 C
Rome
martedì, 21 Settembre 2021

Con la carne prodotta in laboratorio una mucca vale 175milioni di hamburger

Sono sempre di più le società e le start-up che stanno investendo nella ricerca sulla carne prodotta in laboratorio

Con la sperimentazione sulla carne prodotta in laboratorio, quello cui si punta è una vera e propria rivoluzione nell’allevamento e nella produzione.

CARNE PRODOTTA IN LABORATORIO

Tra i paesi dove la sperimentazione procede più celermente c’è la Francia. Risale a poche settimane fa l’intervista rilasciata a Libération da Nathalie Rolland, figlia di allevatori e fondatrice dell’associazione “Agriculture cellulaire France”. Quello cui punta la Rolland è superare il modo di lavorare portato avanti dagli allevatori fino ad ora, puntando invece all’utilizzo di cellule prelevate dalle mucche per la produzione di carne in laboratorio. È sempre la Rolland ad aver affermato che da una singola mucca sarebbe così possibile ottenere fino a 175 milioni di Hamburger, lo stesso quantitativo che si sarebbe potuto produrre attraverso l’uccisione di 440mila animali.

carne-prodotta-in-laboratorio-03-la-lente-web

INVESTIMENTI E RICERCA

La prima volta che sentimmo parlare di una bistecca prodotta interamente in laboratorio era il 2013, grazie all’équipe del ricercatore olandese Mark Post. Ma da quel momento gli investimenti e i risultati della ricerca hanno avuto un’escalation notevole. Sono decine solo in Francia le start-up che stanno puntando sulla carne sintetica, probabilmente puntando a costruire una nicchia di mercato che potrebbe avere una netta espansione. Naturalmente tutto questo clamore non passa inosservato. Infatti non mancano le critiche e le opposizioni, anche a fronte del settore economico che si punta a scardinare: quello dell’allevamento con tutta la filiera ad esso collegata.

carne-prodotta-in-laboratorio-01-la-lente-web

I VANTAGGI PER L’AMBIENTE

Al netto delle necessarie sperimentazioni, la creazione di un settore di mercato dedicato alla carne sintetica potrebbe portare dei riflessi positivi per l’ambiente. Basti pensare alla grande quantità di spazio dedicato alla coltivazione di foraggio che verrebbe liberato e destinato ad altre colture. Inoltre questa carne permetterebbe di eliminare dall’equazione la sofferenza dell’animale, dando così la possibilità di essere consumata anche a quanti hanno remore legate proprio all’allevamento e alla macellazione.

LE ANALISI DEL FENOMENO

In ultima analisi si possono valutare i dati prodotti su questo fenomeno dal sito “Frontiers in Sustainable Food Systems”, richiamati anche dal giornale francese Libération. Il consumo di carne prodotta in laboratorio infatti potrebbe incidere non poco sull’impatto di questo settore sul clima. Inoltre la superficie di territorio destinato all’allevamento (e alla sua filiera) potrebbe ridursi del 90%. Infine anche i rischi legati a malattie e all’utilizzo massiccio di antibiotici, legati all’allevamento di tipo intensivo, diminuirebbero sensibilmente.

carne-prodotta-in-laboratorio-04-la-lente-web

Dello stesso autore

In bici dall’Inghilterra alla Scozia sul Great North Trail

Una pedalata di 1.300 chilometri nell’entroterra della Gran Bretagna lungo il tracciato del Great North Trail Un nuovo percorso si aggiunge ai molti già presenti...

Biodiversità a rischio: ecco perchè ci aspetta un decennio cruciale

Legambiente ha presentato un report con dati allarmanti: la biodiversità continua a diminuire Cattive notizie per molte specie animali e vegetali. Il rapporto sulla biodiversità...

Da New York al Canada in bici lungo l’Empire State Trail

Un’avventura lunga 1200 chilometri sul nuovissimo tracciato dell’Empire State Trail Da New York fino a Buffalo al cospetto delle Cascate del Niagara. L’Empire State Trail...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,966FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

World Press Photo: la 64° edizione in mostra al Mattatoio di Testaccio

Per la sua 64° edizione il concorso ha visto la partecipazione di 4315 fotografi da 130 paesi diversi  Torna a Roma, fino al 22 agosto,...

In bici dall’Inghilterra alla Scozia sul Great North Trail

Una pedalata di 1.300 chilometri nell’entroterra della Gran Bretagna lungo il tracciato del Great North Trail Un nuovo percorso si aggiunge ai molti già presenti...

Biodiversità a rischio: ecco perchè ci aspetta un decennio cruciale

Legambiente ha presentato un report con dati allarmanti: la biodiversità continua a diminuire Cattive notizie per molte specie animali e vegetali. Il rapporto sulla biodiversità...

Cordoba: il gioiello dell’Andalusia con la celebre moschea-cattedrale

Una delle "tre grandi" dell'Andalusia, tappa imperdibile di ogni itinerario nella Spagna del Sud, Cordoba conquista i suoi visitatori con le sue atmosfere arabe Cordova...

Australia, trovato un uovo di Emu nano: è estinto da duecento anni

La scoperta dell'uovo di Emu nano ha permesso agli scienziati di formulare interessanti ipotesi sulla specie. King Island, isoletta al largo della Tasmania, può considerarsi...