-3.7 C
Rome
mercoledì, 27 Gennaio 2021

Capodanno: torna la notte peggiore dell’anno per i nostri animali

Alcuni consigli utili per aiutare i nostri animali ad affrontare la paura dei botti di Capodanno

Come ogni anno nella notte del 31 dicembre i nostri amici animali devono subire uno stress enorme causato dai botti e dai fuochi d’artificio per i festeggiamenti dell’ultimo dell’anno. Oltre a spingere perché i divieti vengano rispettati, ci sono una serie di consigli da seguire per evitare che questa lunga notte si trasformi in un incubo per cani e gatti.

I BOTTI E GLI ANIMALI

Il forte rumore e le luci improvvise sono un vero problema per cani e gatti. Nella stragrande maggioranza dei casi i nostri animali reagiscono con stati di ansia e agitazione, cercando spesso rifugio in luoghi familiari, sicuri e nascosti. In alcuni rari casi questa agitazione può causare problemi cardiaci ai cani e ai gatti più anziani, mentre il rischio maggiore riguarda la fuga dell’animale o che si ferisca nel tentativo.

I DIVIETI IN CITTÀ

Nel corso degli ultimi anni molte amministrazioni comunali si sono dimostrate più sensibili a questi temi imponendo dei divieti più o meno stringenti. Lo stop ai ‘botti di Capodanno’, oltre che per ragioni di sicurezza personale e pubblica, è stato sempre più spesso motivato dalla necessità di preservare la salute degli animali domestici e della fauna selvatica. Purtroppo nonostante esistano questi divieti sono ancora tanti i cittadini che sembrano non poter rinunciare ai ‘botti di Capodanno’, vediamo quindi come proteggere al meglio i nostri amici animali in queste ore così difficili per loro.

ALCUNI CONSIGLI UTILI

Ci sono una serie di suggerimenti da seguire per evitare che il Capodanno si trasformi in un incubo per i nostri animali. La LAV ha stilato un breve vademecum, una serie di informazioni utili per preparare il vostro animale ad affrontare la notte di San Silvestro.

  1. Consulta con anticipo il tuo veterinario di fiducia, ti aiuterà ad individuare soluzioni idonee a evitare o ridurre il senso di paura o di panico dell’animale;
  2. Dota il tuo cane o gatto di microchip e di medaglietta recante un recapito telefonico, possono essere essenziali in caso di fuga;
  3. Fate una lunga passeggiata durante il giorno del 31 e una più breve prima dei festeggiamenti, ricordandoti di tenere il tuo cane al guinzaglio;
  4. Non lasciare gli animali soli all’esterno, potrebbero fuggire o a farsi del male nel tentativo di farlo;
  5. Crea una zona tranquilla e sicura per il tuo amico a 4 zampe, lascia che sia lui a decidere dove. Potrebbe essere vicino te oppure nella sua solita area di riposo, ma potrebbe anche essere nella vasca da bagno o nel seminterrato;
  6. Non isolarlo, non barricarlo o bloccarlo in una zona della casa, lascia che sia libero di muoversi e di venirti vicino se e quando lo desidera;
  7. Sii più tollerante del solito nel caso in cui il cane ti lecchi o ti cerchi insistentemente. L’atteggiamento di cura aiuta ad alleviare lo stress;
  8. Dimostra un atteggiamento sereno;
  9. Crea delle associazioni positive, facendo cadere a sorpresa del cibo ad ogni scoppio. Crea l’associazione “fuochi d’artificio = cibo”;
  10. Attenzione ai cibi pericolosi per gli animali. Cibi come uvetta, cioccolato, noci di macadamia, bevande alcoliche sono velenosi per cani e gatti, non lasciarli alla loro portata. Lo sapevi che anche la Stella di Natale, il Vischio e l’Agrifoglio, gettonatissimi in questo periodo dell’anno, sono velenosi per loro?
  11. Se l’animale scompare presenta immediatamente una denuncia di smarrimento alla Polizia Municipale, o altra Forza di polizia, avvisa il Servizio Veterinario pubblico e i canili della zona.

Dello stesso autore

Rinoceronte di Giava: il grosso mammifero più a rischio d’estinzione

Un tempo era il rinoceronte più diffuso in Asia. Ora rimangono una settantina di esemplari, confinati in una sola riserva naturale La morte di Sudan,...

Scopriamo cos’è il Nordic Walking

Bastoncini alla mano e si cammina, ecco cos’è “il più efficiente e piacevole allenamento al mondo” Negli ultimi anni questa disciplina sportiva è diventata comune...

Focaccine allo zaatar, un piatto forte della cucina mediorientale

Vediamo insieme qual è il modo più semplice per preparare le maanayesh e lo zaatar Per quanti di voi hanno avuto la fortuna di viaggiare...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,684FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Rinoceronte di Giava: il grosso mammifero più a rischio d’estinzione

Un tempo era il rinoceronte più diffuso in Asia. Ora rimangono una settantina di esemplari, confinati in una sola riserva naturale La morte di Sudan,...

Scopriamo cos’è il Nordic Walking

Bastoncini alla mano e si cammina, ecco cos’è “il più efficiente e piacevole allenamento al mondo” Negli ultimi anni questa disciplina sportiva è diventata comune...

Focaccine allo zaatar, un piatto forte della cucina mediorientale

Vediamo insieme qual è il modo più semplice per preparare le maanayesh e lo zaatar Per quanti di voi hanno avuto la fortuna di viaggiare...

Le foglie di tè si possono riutilizzare?

Alcuni tè artigianali danno il loro meglio solo nella seconda infusione, mentre altri assumono aromi molto più delicati se utilizzati più volte. Scopriamo insieme...

Stop agli sprechi: 10 consigli per un bucato green

Come risparmiare e proteggere l’ambiente mentre facciamo il nostro bucato Bastano poche semplici accortezze per abbassare sensibilmente i costi legati al nostro bucato, diminuendo anche...