14 C
Rome
domenica, 09 Maggio 2021

Allarme pesticidi: in Europa scomparsi il 70% degli insetti impollinatori

Il WWF segnala i danni provocati dal massiccio utilizzo dei pesticidi, ma anche dall’inquinamento, sugli insetti impollinatori

Nati per garantire una migliore resa dei raccolti, i pesticidi si stanno trasformando in un boomerang. Il loro massiccio ricorso, unito ad altri fattori come il consumo di suolo e l’inquinamento atmosferico, sta riducendo il numero di insetti impollinatori.

PERSO IL 70% DI INSETTI IMPOLLINATORI 

Secondo il WWF nel corso degli ultimi 30 anni in Europa abbiamo perso il 70% di specie come le api oppure le vespe ed i bombi. Insetti da cui, in sostanza, dipende il servizio ecosistemico dell’impollinazione. “Il 40% di api selvatiche, farfalle, sirfidi e coleotteri – ha recentemente ricordato l’associazione che si batte in difesa della Natura – rischiano l’estinzione a livello globale”.

IL PARADOSSALE USO DEI PESTICIDI

La consapevolezza dell’importante ruolo svolto da questi insetti, nell’opinione comune, non è troppo radicata. Eppure i due terzi della frutta e della verdura che quotidianamente consumiamo, dipende dall’azione di questi animali. Insetti che, paradossalmente, si vuole estirpare, puntando sulla chimica invece che sulla natura. Eppure, ha ricordato il WWF, “L’uso dei pesticidi nell’agricoltura intensiva immette sostanze tossiche, persistenti e bioaccumulabili: secondo l’OMS ogni anno 26 milioni di persone vengono avvelenate da pesticidi”.

LEGGI ANCHE >> Cos’è e come costruire un albergo per insetti <<

SAVE THE QUEEN

Anche Legambiente è in prima linea nel difendere gli insetti impollinatori ed in particolari le Api. Animali che rappresentano anche importanti , sentinelle ecologiche e bioindicatori della qualità dell’aria. Nel 2020 ha infatti lanciato la campagna nazionale Save the queen che promuovere una serie di interventi. Tra questi:

  • adozione di arnie
  • incremento orti urbani
  • campagne informative e percorsi didattici
  • creazione rete dei Comuni amici delle api
  • selezionare migliori apicoltori per realizzare linea di miele Save the queen

Il WWF ricorda che un pilastro cruciale della nuova strategia europea 2030 per la biodiversità si concentra proprio sul ripristino della natura in porzioni significative del territorio europeo attraverso la destinazione del 25% dei terreni agricoli in Europa a colture biologiche e la destinazione del 10% dei terreni agricoli per la conservazione della biodiversità. Un obiettivo che l’associazione rappresentata dal panda, dal nord al sud della penisola sta perseguendo in 15 Oasi WWF all’interno delle quale gli insetti impollinatori possono trovare nettare e rifugi dedicati.

Dello stesso autore

Il 70% sono ibridi? E’ a rischio l’integrità genetica del lupo

I risultati dello studio condotto dalla Sapienza nel parco dell’Appennino tosco emiliano evidenziano la minaccia che incombe sui lupi Negli anni Settanta il principale rischio...

Allarme pesticidi: in Europa scomparsi il 70% degli insetti impollinatori

Il WWF segnala i danni provocati dal massiccio utilizzo dei pesticidi, ma anche dall’inquinamento, sugli insetti impollinatori Nati per garantire una migliore resa dei raccolti,...

Quanti sono i lupi in Italia? La risposta è affidata ad una task force

I lupi in Italia sono in costante aumento. Ma quanti sono esattamente? L'ISPRA ad ottobre ha avviato una raccolta dati in tutta la penisola Ad...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,925FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Una visita a Poggio Catino borgo nel cuore verde della Sabina

A pochi chilometri da Rieti sorge Poggio Catino, un borgo incantato immerso nel verde della Sabina Due nuclei urbani differenti formano il caratteristico borgo di...

Ecco il metodo migliore per conservare le spezie

Conservare le spezie in casa non sempre è facile, ma basta seguire alcune semplici regole Scopriamo quali accorgimenti bisogna prendere per conservare le spezie ed...

Ciclovia Appennino Bike Tour: al lavoro per il percorso ciclabile più lungo d’Italia

Un itinerario di 2600 chilometri dalla Liguria alla Sicilia sulla Ciclovia Appennino Bike Tour L’itinerario della Ciclovia Appennino Bike Tour dovrebbe essere completato per il...

Ninfa: sui ruderi della città perduta c’è un giardino celestiale

A breve distanza da Roma c’è il Giardino di Ninfa. Un luogo speciale dove, sugli antichi ruderi di una città perduta, crescono piante rare...

Siete sicuri di sapere tutto sull’alga wakame?

L’alga wakame è un alimento molto nutriente e utilizzato tantissimo nella cucina orientale Ormai con la presenza sempre più diffusa dei ristoranti che propongono piatti...