16.5 C
Rome
mercoledì, 23 Giugno 2021

Animali in difficoltà, ecco come comportarsi

Tutti i consigli dei Carabinieri Forestali e del WWF per aiutare gli animali in difficoltà

Prima di intervenire è essenziale valutare la situazione e osservare le condizioni degli animali in difficoltà. Il rischio è quello di creare ancora più danni

LA PRIMA REGOLA È L’OSSERVAZIONE

Con la bella stagione e la possibilità di tornare ad immergersi nella natura, è più frequente per tutti noi incontrare della fauna selvatica anche quelle che sembrano situazioni di pericolo. Nel caso in cui ci si imbatta in animali in difficoltà, che ci sembrano abbandonati o feriti, la prima regola da tenere a mente è l’osservazione. Questo perché spesso e volentieri la situazione è ben diversa da quella che sembra e non sempre l’intervento è la soluzione migliore. Il rischio è quello di aver interpretato male il contesto in cui si trova l’animale, o non aver individuato situazioni di ulteriore pericolo in cui potrebbe finire spinto dalla paura per un nostro intervento. È quindi importante valutare da lontano la situazione e magari rivolgersi alle autorità predisposte.

animali-in-difficolta-01-la-lente-web

COSA SI DEVE SAPERE

Esistono alcuni principi base ricordati dal WWF e dai Carabinieri Forestali, ai quali è importante attenersi quando ci si imbatte in animali in difficoltà.

  • La fauna selvatica è protetta e ne è vietata la detenzione.
  • Il recupero deve essere finalizzato esclusivamente al ritorno alla vita in natura ed è per questo sempre meglio contattare le autorità locali prima di improvvisare un intervento.
  • Per il soccorso, la detenzione temporanea e la successiva liberazione di fauna selvatica in difficoltà sono competenti le Province, gli agenti di vigilanza, le associazioni, gli organismi e gli altri soggetti operanti in materia, che si avvalgono di Centri recupero fauna selvatica.

animali-in-difficolta-02-la-lente-web

COSA FARE CON GLI ANIMALI IN DIFFICOLTÀ

Ci sono alcune regole da tenere bene a mente per evitare di creare danni maggiori agli animali in difficoltà incontrati durante le nostre escursioni.

  • Evitare di avvicinarsi subito
  • Restare a distanza e osservare la situazione
  • Valutare l’effettiva difficoltà dell’animale e l’intervento

Generalmente interferire non è mai una buona idea, ma può risultare necessario in caso di animali feriti, sanguinanti, tremanti, particolarmente deboli o, nel caso degli uccelli, con ali rotte, oppure che siano esposti a pericoli evidenti come, ad esempio, il traffico di una strada.

animali-in-difficolta-04-la-lente-web

ANIMALI IN DIFFICOLTÀ: GLI UCCELLI

Nel caso si incontrino uccelli in difficoltà la cosa migliore (nel caso dei nidiacei) è quella di cercare il nido e riporli al suo interno. Nel caso in cui non si riesca a trovarlo può bastare un cestino o una scatola da riporre su un ramo. Se l’uccello invece è già più grande, con piume e la capacità di saltellare a terra, è molto probabile che stia cercando di rendersi autonomo, e che quindi non vada disturbato. Lo spostamento in tal caso deve essere effettuato solo in situazioni di pericolo come la presenza di predatori o di autovetture. Successivamente a debita distanza si dovrà attendere l’arrivo dei genitori, e solo nel caso non arrivassero ci si dovrà rivolgere ad un centro di recupero.

uccelli-a-rischio-estinzione-pulcino-wiki-la-lente-web

ANIMALI IN DIFFICOLTÀ: I MAMMIFERI

La regola con i mammiferi è quella di non toccarli mai. Il rischio è di imprimere il nostro odore e che la madre lo abbandoni. Solo se il piccolo è ferito e siamo certi che la madre non possa occuparsene, allora è il caso di contattare un certo di recupero, così da ricevere tutti i consigli e le informazioni utili a non improvvisare un soccorso.

Dello stesso autore

In bici dall’Inghilterra alla Scozia sul Great North Trail

Una pedalata di 1.300 chilometri nell’entroterra della Gran Bretagna lungo il tracciato del Great North Trail Un nuovo percorso si aggiunge ai molti già presenti...

Biodiversità a rischio: ecco perchè ci aspetta un decennio cruciale

Legambiente ha presentato un report con dati allarmanti: la biodiversità continua a diminuire Cattive notizie per molte specie animali e vegetali. Il rapporto sulla biodiversità...

Da New York al Canada in bici lungo l’Empire State Trail

Un’avventura lunga 1200 chilometri sul nuovissimo tracciato dell’Empire State Trail Da New York fino a Buffalo al cospetto delle Cascate del Niagara. L’Empire State Trail...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,966FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

In bici dall’Inghilterra alla Scozia sul Great North Trail

Una pedalata di 1.300 chilometri nell’entroterra della Gran Bretagna lungo il tracciato del Great North Trail Un nuovo percorso si aggiunge ai molti già presenti...

Biodiversità a rischio: ecco perchè ci aspetta un decennio cruciale

Legambiente ha presentato un report con dati allarmanti: la biodiversità continua a diminuire Cattive notizie per molte specie animali e vegetali. Il rapporto sulla biodiversità...

Cordoba: il gioiello dell’Andalusia con la celebre moschea-cattedrale

Una delle "tre grandi" dell'Andalusia, tappa imperdibile di ogni itinerario nella Spagna del Sud, Cordoba conquista i suoi visitatori con le sue atmosfere arabe Cordova...

Australia, trovato un uovo di Emu nano: è estinto da duecento anni

La scoperta dell'uovo di Emu nano ha permesso agli scienziati di formulare interessanti ipotesi sulla specie. King Island, isoletta al largo della Tasmania, può considerarsi...

Da New York al Canada in bici lungo l’Empire State Trail

Un’avventura lunga 1200 chilometri sul nuovissimo tracciato dell’Empire State Trail Da New York fino a Buffalo al cospetto delle Cascate del Niagara. L’Empire State Trail...