Nel week end del 24 e 25 ottobre, nello storico quartiere di Testaccio, sono previsti eventi interessanti, anche solo per una passeggiata all’aria aperta

IL QUARTIERE – Il nome Testaccio deriva dal monte di 35 metri su cui sorge (il Testaceus, resti di cocci, testae in latino, che lo compongono). Il Rione è un museo diffuso: attraversarlo è un viaggio che abbraccia tutte le epoche, dai resti dell’Emporium di Roma imperiale fino ai palazzi fascisti e alle testimonianze di archeologia industriale. È uno dei quartieri della movida romana, storicamente gay friendly, location privilegiata dei film di Pierpaolo Pasolini e Ferzan Ozpetek. Una passeggiata alla scoperta del quartiere non può non iniziare con la visita al Cimitero Acattolico, all’interno delle Mure Aureliane, che oggi ospita magnifiche sculture e sepolcri, come quelle di  Antonio Gramsci, Shelley, Keats, Andrea Camilleri.

MACRO–  All’interno del complesso ottocentesco dell’Ex Mattatoio è situato il MACRO, in un’area della città che in questi ultimi anni sempre più si è caratterizzata per la ricchezza di manifestazioni culturali ed eventi artistici rivolti in particolare ad un pubblico giovane. Gli originari padiglioni che caratterizzano l’intero complesso architettonico, costruiti fra 1888 e 1891 da Gioacchino Ersoch, testimoniano il passaggio dal classicismo alla modernità e costituiscono un importante esempio storico dell’architettura industriale monumentale e razionale della fine del secolo 19°. Il Mattatoio è considerato uno fra i più importanti edifici industriali della città per la modernità e originalità delle sue strutture. Altro importante edificio situato nel quartiere è l’Ararat, uno dei più importanti centri per la diffusione della cultura curda a Roma e in Italia, punto di riferimento fondamentale per la diaspora curda nel nostro Paese e un ponte tra Oriente e Occidente nel cuore della capitale d’Italia.

GLI EVENTI  – Il week end del 24 e 25 ottobre nel quartiere Testaccio è prevista la quarta edizione di Fumetto e Arte, la fiera dedicata al mondo del fumetto nuovo, usato e da collezione, presso la Città dell’Altra Economia. Il 25 ottobre si svolgerà poi una passeggiata con le grandi donne che hanno vissuto nel quartiere: Maria Montessori, Elsa Morante, Gabriella Ferri, in un percorso che si snoderà tra i luoghi del romanzo di Elsa Morante “La storia“, la piazza Santa Maria Liberatrice dove è apposta la targa dedicata a Gabriella Ferri, indimenticabile voce romana popolare e dove Maria Montessori inaugurò il modello educativo delle “Case dei Bambini”.

Angela Franco