-3.7 C
Rome
mercoledì, 27 Gennaio 2021

CITTA’ DEL RUGBY: A Spinaceto oltre al danno si rischia la beffa

L’area  del Punto Verde Qualità continua ad essere accessibile e priva di controlli. Rubate finestre, lastre di vetro e discendenti. Nonostante l’investimento da 32,8 milioni di euro, non esiste alcuna sorveglianza.


UN MONUMENTO ALLO SPRECO – I bandoni di lamiera sono stati divelti in almeno due punti . Ed il risultato è sotto gli occhi di tutti. Quella che doveva diventare la Città del Rugby di Spinaceto, è invece soltanto una cattedrale nel deserto. Una sorta di monumento allo spreco. L’estrema conseguenza della fallimentare gestione dei Punti Verde Qualità. Dovevano servire a garantire la manutenzione costante delle aree verdi, ed invece si sono rivelati come un investimento azzardato. Una spada di Damocle per le casse capitoline,che hanno garantito al 95% i prestiti presso le banche.

LA MANUTENZIONE DEL VERDE – E le aree verdi? La risposta sta nei fatti. Basta girare attorno al perimetro del PVQ di via Renzini, per individuare sacche di degrado che si intrecciano all’assoluto disinteresse per il verde circostante. C’è un albero, crollato da circa un anno. E’ riverso sulla recinzione perimetrale del PVQ. E lì resta.

IL BENE COMUNE – Poi c’è la questione del depauperamento del patrimonio comunale.  “Ogni giorno assistiamo ad una novità. Fino a qualche giorno fa, le ultime finestre ancora c’erano” ci fa notare un residente, indicandoci la parte dell’impianto che da le spalle alla Pontina. “Guardi i muri: dove ci sono i discendenti sono fradici. Probabilmente si sono rubati anche le canaline dell’acqua”. Lo spettacolo è desolante. “E’ gravissimo quello che sta succedendo – osserva Federico Siracusa, già Vicepresidente del Consiglio Municipale – l’allarme sulla sostenibilità economica e finanziaria era stato lanciato anni fa. Ed era una cosa da tenere sotto controllo, perché si tratta di un patrimonio appartenente al Comune di Roma”.

LE RESPONSABILITA’ – “A mio avviso ci sono responsabilità gravissime, che  la magistratura dovrà accertare. Io credo che debbano essere ricercate in capo al concessionario, che ha lasciato un’area dove sono presenti investimenti comunali in stato di abbandono. Però anche il Comune avrebbe dovuto interessarsene. Il privato ha solo la concessione del bene, che dopo 30 anni torna indietro a Roma Capitale. Ma la cosa più grave – conclude il ragionamento Siracusa – non sono i quasi 33 milioni di euro che come cittadini ci troveremo a pagare. Dobbiamo infatti considerare anche il deperimento di una struttura che è, ripeto, di proprietà del Comune”. E quindi, ancora una volta, dei cittadini. Come a dire che, oltre al danno, rischia di scapparci la beffa.

Fabio Grilli

Dello stesso autore

Tigre: avvistamento ad altitudine record nelle montagne del Nepal

Un nuovo record per le tigri in Nepal. A fine anno, infatti, alcune fototrappole hanno ripreso una tigre all’altitudine di 3.165 metri nel Nepal...

Piante di Natale: scopriamo il significato delle piante

Sono diverse le piante, che in varie tradizioni, rappresentano le Feste di Natale. Scopriamone i significati Si avvicinano le Feste di Natale e come da...

L’albero di Natale, dai Celti ai nostri giorni: la storia di un’antica tradizione

Scopriamo insieme l’origine di questa tradizione divenuta il simbolo del Natale Da dove arriva l’usanza di addobbare un albero durante le feste? Come tante tradizioni...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,684FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Rinoceronte di Giava: il grosso mammifero più a rischio d’estinzione

Un tempo era il rinoceronte più diffuso in Asia. Ora rimangono una settantina di esemplari, confinati in una sola riserva naturale La morte di Sudan,...

Scopriamo cos’è il Nordic Walking

Bastoncini alla mano e si cammina, ecco cos’è “il più efficiente e piacevole allenamento al mondo” Negli ultimi anni questa disciplina sportiva è diventata comune...

Focaccine allo zaatar, un piatto forte della cucina mediorientale

Vediamo insieme qual è il modo più semplice per preparare le maanayesh e lo zaatar Per quanti di voi hanno avuto la fortuna di viaggiare...

Le foglie di tè si possono riutilizzare?

Alcuni tè artigianali danno il loro meglio solo nella seconda infusione, mentre altri assumono aromi molto più delicati se utilizzati più volte. Scopriamo insieme...

Stop agli sprechi: 10 consigli per un bucato green

Come risparmiare e proteggere l’ambiente mentre facciamo il nostro bucato Bastano poche semplici accortezze per abbassare sensibilmente i costi legati al nostro bucato, diminuendo anche...