santa-lucia-small

Tradizione e modernità dissentono sull’inizio dell’inverno. Il giorno più breve dell’anno, nella cultura contadina, era sempre quello di Santa Lucia. Ecco come si viveva il 13 dicembre nella campagne.

Siamo a Dicembre nell’Agro-romano tra i Casali di Tor Pagnotta dove oggi sorgono i quartieri di confine Fonte Laurentina e Casal Fattoria. Nella tradizione contadina è già inverno.

IERI- Il 13 dicembre è il primo giorno di tramontana dell’anno. La campagna è ferma e la famiglia sta davanti al camino. Il Capoccia è pensieroso, e sorseggiando il vino nuovo che rispetto a quello di San Martino è meno torbido ma ancora un po’ acidulo, sa che Santa Lucia è vicina. Da oggi “ prima che sia pomeriggio arriva già sera” e quindi si devono anticipare le operazioni di mungitura. Per questo, senza uscire dal Casale va in stalla per caricare la mangiatoia di foraggio. La stalla con le sue mucche da latte è la cosa più preziosa del Casale ed è per questo che la seconda porta comunica direttamente in casa.Poi esce e va ad aprire il rimessino esterno per riportare le mucche nella stalla.

La Massaia sta rammendando i pantaloni dei bambini che giocano intorno al fuoco. Tra poco, tutta la famiglia, dal focolare della cucina con il proprio sgabello, si sposterà nella calda stalla per tenere compagnia al Capoccia durante la Mungitura. Seduti nel pagliericcio, si raccontano storie , leggende e filastrocche, mentre il Capoccia è concentrato nella mungitura perché sa che dopo deve portare il latte in Fattoria e che il Principe aspetta e pretende la metà del latte.

OGGI – Ormai c’è internet e grazie alle nuove frontiere della tecnologia veniamo a sapere che il solstizio d’inverno cade il 21 dicembre. Dunque non è vero che “Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia” . Ma noi che ricordiamo ancora il profumo del latte appena munto, rimaniamo con i nostri detti antichi e per questo ribadiamo a tutti che “ Seminare dicembrino, vale meno di un quattrino”. Chissà cosa ne penserà internet. Per noi restano “parole sante”.

Maurizio Romano

 

contadino

 

L’ESTATE DI SAN MARTINO: Quando il mosto diventa vino. Per saperne di più clicca qui.