1-kac-U3180790129945b7B-1600x1066@Corriere-Web-Sezioni_BC

Dal 22 maggio riapriranno alcuni musei e dal 2 giugno, nella seconda fase, è prevista la ripresa delle attività museali interrotte dal Covid-19

PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI– A Palazzo delle Esposizioni le rassegne sono state prorogate, così in questi giorni di riapertura delle sale si potrà pianificare la visita alla grande antologica sull’artista americano Jim Dine, che presenta oltre 60 opere provenienti da collezioni pubbliche e private, europee e americane, che rimarrà aperta fino a data da destinarsi.  Altra mostra che riprende è quella di Metropoli di Gabriele Basilico, dedicata a uno dei maggiori protagonisti della fotografia italiana e internazionale, e incentrata sul tema della città con oltre 250 opere in mostra, che originariamente doveva concludersi il 13 aprile, terminerà invece il 2 giugno.  Da non perdere anche il World Press Photo: Yasuyoshi Chiba, dell’agenzia France Press, è il vincitore del 2020. Il suo scatto, Straight Voice, mostra un giovane uomo, illuminato dalle luci degli smartphone della folla radunata attorno a lui, mentre recita una poesia durante una protesta civile. La foto immortala un momento durante un blackout a Khartoum, in Sudan. Le proteste qui raccontate sono scoppiate nel dicembre del 2018 e sono durate fino all’aprile del 2019.

PALAZZO BRASCHI– Al Museo di Roma a Palazzo Braschi il pubblico avrà l’opportunità di visitare anche la mostra Canova. Eterna Bellezza, che vanta un record di oltre 145 mila visitatori prima del lockdown e che è stata eccezionalmente prorogata fino al 21 giugno 2020, grazie alla grande disponibilità con cui tutti i musei, nazionali e internazionali, hanno eccezionalmente accettato di rinnovare i prestiti delle loro opere. Ancora un mese, dunque, per ammirare le 170 opere di Canova e degli artisti a lui contemporanei, giunte a Roma da alcune tra le più grandi collezioni del mondo. Incorniciate all’interno di un allestimento di grande impatto visivo e raccolte in 13 sezioni, le opere in mostra raccontano l’arte canoviana e il contesto che lo scultore trovò giungendo nell’Urbe nel 1779.

ALTRI MUSEI – Dal 22 maggio i Musei Capitolini riapriranno le sue sale per tutti i visitatori, i quali potranno di nuovo apprezzare le bellezze delle collezioni permanenti di Palazzo dei Conservatori, Palazzo Nuovo e della Pinacoteca Capitolina. Seguirà a questa prima fase la ripresa delle attività dal 2 giugno nei musei dell’Ara Pacis, Mercati di Traiano, Fori Imperiali, Centrale Montemartini, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d’Arte Moderna, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Bilotti, Museo Barracco, Museo Napoleonico, Museo Canonica, Museo della Repubblica romana, Casal de’ Pazzi, Museo delle Mura e nelle aree archeologiche aperte al pubblico. Il 3 giugno aprirà anche l’Archivio Storico Capitolino.

Angela Franco