orecchiette-rucola-e-pachino

INGREDIENTI 

Aglio

Pomodorini interi

Rucola

Sale,

Pepe o Peperoncino

PROCEDIMENTO:

Soffriggere l’aglio, aggiungere i pomodorini interi, il sale e il pepe. Bollire l’acqua, mettere il sale, la rucola e la pasta. A cottura ultimata, scolare, versare nella padella con i pomodorini, mescolare, aggiungere altra rucola sminuzzata.

EMOZIONI CULINARIE: LA PUGLIA.

 

La Puglia, con le sue bellissime spiagge, l’ interno pianeggiante e il territorio di natura carsica, offre al turista meraviglie della natura, della storia, della tradizione e del gusto. Con le sue meravigliose masserie, aziende agricole abitate dai proprietari terrieri e dai contadini, costruite con una funzione difensiva, e per assicurare una buona amministrazione dei grandi appezzamenti di terra. Hanno la parte abitativa del signore, il “massaro”, e gli alloggi dei contadini, la zona lavorativa, la cappella, i depositi per attrezzi, foraggi e raccolti. Sono circondate da mura di protezione, e nella parte centrale c’é il cortile, l’aia, le stalle, i locali per gli animali e i giardini. Famosi sono i trulli, costruiti usando la materia prima della zona, le pietre calcaree piatte, chiamate chiancarelle. Venivano posate a secco, elevate in cerchi concentrici che si restringevano fino a chiudere la volta conica.

Nella seconda metà del 17° secolo, i feudatari dovevano pagare un tributo al re per la costruzione dei centri abitativi, quindi autorizzavano i contadini a costruire i villaggi senza usare la malta, così da poterli demolire velocemente in caso d’ispezione regia. Alberobello (dal 1996 Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO) ha i trulli che si susseguono lungo viuzze, creando una magica atmosfera unica al mondo. Da visitare: Lecce, la “Firenze del Barocco”, con i suoi resti delle antiche origini messapiche e romane; Brindisi, importante commercialmente e culturalmente grazie al suo porto naturale sull’ Adriatico; Taranto, unica colonia di Sparta al di fuori del territorio della Grecia, chiamata la “Città dei due mari”; Bari, importante per il commercio con l’Est Europa e il Medio Oriente, nonchè importante scalo per turisti; Gallìpoli, la Perla dello Ionio; il Parco Nazionale del Gargano, area naturale protetta definita “Sperone d’Italia”; le Isole Trèmiti, arcipelago e centro turistico al quale è stato più volte assegnato il riconoscimento della Foundation for Environmental Education, la Bandiera Blu.

Della cucina Pugliese sono ottime le orecchiette, le friselle, i taralli, ma anche l’olio, la pasta fatta in casa, che unita ai legumi e alle verdure crea piatti sorprendenti. Le deliziose zuppe di pesce accompagnate al cacio, le carni essiccate, la ricotta di pecora, la giuncata, la burrata e il pecorino. Per i golosi c’è la frutta secca, il vino cotto, i canditi, il cioccolato, le cartellate fritte ricoperte di miele, le zeppole, la cotognata, e i dolci alla pasta di mandorle. Ricordiamo anche gli ottimi vini di questa regione soprannominata la “cantina d’Italia” che vanta 25 vini DOC.

Tina e Cristiana