Viale  Europa - Copia

L’Associazione Ripartiamo dall’Eur ha attivato una raccolta firme. Si propone a Virginia Raggi un’ordinanza con cui vietare il fenomeno della prostituzione in prossimità di case, scuole e parchi. 

LE STRADE DELL’EUR – Viale Tupini, viale America, viale Europa….l’elenco potrebbe continuare a lungo, poiché sono almeno 18 le strade dell’Eur che, secondo l’ultimo censimento effettuato, sono interessate dal problema della prostituzione. Il fenomeno, che non si realizza solo in orario notturno, lascia numerose tracce del proprio passaggio. L’Associazione Ripartiamo dall’Eur non ha mai smesso di denunciarlo. E non limitandosi alla mera protesta, ha spesso cercato di mettere in campo anche delle proposte.

DAVANTI LE CASE – L’ultima iniziativa che l’Associazione presieduta da Paolo Lampariello ha messo in campo, è quella di una raccolta firme. Ad oggi sono quasi un migliaio i cittadini che l’hanno sottoscritta, a dimostrazione di quanto sia avvertito il disagio nel quartiere. La prostituzione, viene ricordato, avviene “in strada sotto le finestre ed i portoni delle nostre case” leggiamo nella petizione, “ e gli atti sessuali, consumandosi a cielo aperto, sono visibili sempre dalle nostre finestre e nei parchi dove di giorno giocano i bambini. Le strade – si fa notare – sono piene di profilattici fazzolettini e spesso defecazioni umane”.

L’ORDINANZANaufragato il proposito dell’ex Presidente municipale Andrea Santoro di sperimentare lo zoning, resta sul tavolo un problema. Il fenomeno della prostituzione concentrata in un solo quartiere, continua a porre la questione della sua gestione. Perché la convivenza tra lucciole e residenti non alimenti ulteriore malcontento, “Sarebbe auspicabile – si legge nella petizione – un’ ordinanza che vieti di prostituirsi entro 500metri da case, parchi, scuole e luoghi di culto”. Una proposta ragionevole, che sta raccogliendo ampi consensi tra i residenti dell’Eur.

Fabio Grilli