orti

A distanza di dieci anni va in porto l’agognato progetto degli Orti Urbani a Casal Brunori. Cioffi (Consulta della Cultura): “scommessa  vinta soprattutto grazie ad un efficace gioco di squadra“.

A cura di:  La Consulta della Cultura Municipio 9

Il progetto SIDiG-MED, (Social and Intercultural Dialogue through Governance for Local development: Mediterranean Urban and Peri-urban Agriculture) finanziato dal Programma europeo ENPI CBC MED 2007-2013 (European Neighbourhood and Partnership Instrument Cross Border Cooperation in the Mediterranean Sea Basin), si è posto l’obiettivo di combattere l’esclusione sociale e la povertà, migliorando i processi di governance per lo sviluppo locale promuovendo il dialogo sociale e interculturale, mediante l’attuazione di azioni sperimentali e concrete a favore dell’agricoltura urbana sostenibile in 4 realtà urbane: Roma, Barcellona, Mahdia (Tunisia), Al-Balqa (Giordania).

L’associazione “Vivere In…” nata nel 2006 con l’obiettivo primario di sviluppare il progetto Orti Urbani e di ricercare aree nel quartiere di Casal Brunori compatibili con il PRG e in collaborazione con il CdQ Casal Brunori propose in data 8.4.2015, nell’ambito del progetto SIDiG-MED, l’area 1 (Via V. Cortese) che fu a suo tempo scartata per assenza di progetto pubblico unitario.
Nel gennaio del 2016 l’Associazione “Vivere in” ed il CdQ Casal Brunori proposero la realizzazione di orti urbani nell’area 2 (tra Casal Brunori e Mostacciano) e dopo diverse diatribe sull’interpretazione di norme inserite nel PRG le Istituzioni conclusero con la discutibile bocciatura dell’aerea in quanto precedentemente inserita nel Punto Verde Qualità ormai in fase di revoca.
In tale fase, con i termini temporali del progetto in scadenza, risultò determinante il contributo del Consigliere Municipale Alessandro Lepidini che, sollecitò le istituzioni ad una soluzione.

Nel marzo del 2016 si giunse, su proposta dell’Associazione Vivere In… e del CdQ Casal Brunori, all’individuazione dell’attuale area definitiva di via Armando Brasini a Casal Brunori poiché in possesso di tutti i requisiti previsti riconducendo la questione nella storica legittimità.
Con il cambio dell’amministrazione Municipale, a seguito delle elezioni amministrative, si è constatato, subito, l’impegno della nuova Giunta Municipale a definire in modo rapido la questione, indicendo la gara pubblica e prodigandosi nell’ottenimento delle proroghe necessarie al completamento del progetto e dei termini presso la Commissione Europea

I cittadini (approccio bottom-up), rappresentati dall’associazione proponente Vivere In…, dal CdQ Casal Brunori, e dal Consorzio Casal Brunori II, consapevoli dell’’importanza del progetto di SIDiG-MED, coordinati dalla Consulta della Cultura del Municipio Roma IX Eur, hanno contributo decisivamente a garantire l’attuazione del progetto, supportando l’Amministrazione nella fase progettuale e favorendo la co-responsabilità ed il ruolo attivo di tutti gli attori locali, pubblici e privati.

La Consulta della Cultura del Municipio Roma IX Eur, con la conferenza “Orti Urbani, strumento di inclusione sociale” del 28.11.2016 ha condiviso e capitalizzato con gli attori locali e cittadini i risultati e le caratteristiche del progetto pilota PARCO Ort9 Sergio Albani nel quartiere di Casal Brunori. In tale sede, si è preso atto che la materia degli Orti Urbani nel Comune di Roma Capitale appare carente di una Governance esauriente che regolamenti in modo chiaro, razionale ed omogeneo un fenomeno in costante evoluzione nel territorio Capitolino.

Desidero mettere in risalto l’impegno dei cittadini attivi per il supporto fornito alle realtà Associative impegnate nella realizzazione del progetto Orti Urbani a Casal Brunori – dichiara Filippo Cioffi, Presidente della Consulta della Cultura –  La loro vicinanza ha permesso quel lavoro di squadra che ha rappresentato il volano per raggiungere, attraverso obiettivi comuni e condivisi, la risoluzione e definizione di complesse procedure amministrative. Al tal proposito vorrei ringraziare tutti i soggetti Istituzionali coinvolti nel progetto: dal Dipartimento Tutela Ambientale all’Ufficio Tecnico del Municipio IX e non ultimo dall’Ufficio Risorse per Roma che tra mille difficoltà hanno contribuito al lieto fine. Questa esperienza costituisce il consolidamento della convinzione che un costante “Processo Partecipativo” di tutta la Rete Associativa costituisca un valore in termini di buone pratiche, ed un modello da adottare per altre aree urbane e non solo a Roma”.

Possiamo oggi affermare che gli obiettivi richiesti dal progetto SIDiG-MED, in questo quadrante del territorio, sono stati raggiunti ed in attesa dell’assegnazione ai cittadini auspichiamo, parafrasando un cult cinematografico natalizio, che il MIRACOLO A CASAL BRUNORI si realizzi.

 

logo-sidig-med-bianco

 

SIDiG-MED
Social and Intercultural Dialogue through Governance for Local development:
Mediterranean Urban and Peri-urban Agriculture (UPA)

 

 

enpi

 

ENPI CBC MED
European Neighbourhood and Partnership Instrument
Cross Border Cooperation in the Mediterranean sea Basin