-3.7 C
Rome
mercoledì, 27 Gennaio 2021

OSTIA ANTICA: Il sito archeologico più grande del mondo antico

Con un’area di 150 ettari il sito archeologico di Ostia antica è insieme a Pompei il più grande tra i siti antichi: è stato riportato alla luce solo il 40% dei resti e più della metà della città è ancora sepolta.

LA STORIA – La leggenda tramanda che la città, prima colonia romana del VII secolo a.C., fu fondata dal quarto re di Roma Anco Marzio. Vicino alle saline, che si trovavano alla foce del Tevere, fu costruito un centro abitato, poi fortificato con la costruzione di un castrum: il nome della città deriva infatti dal latino ostium, ovvero ingresso o foce del fiume, dal momento che ospitava un insediamento militare protetto da una poderosa cinta muraria in tufo. La città di Ostia antica si sviluppò soprattutto in epoca imperiale, divenendo un importante centro commerciale e portuale:  con Augusto fu dotata di un teatro, di un primo foro e di un acquedotto e la costruzione del porto sotto Traiano ne accrebbe l’importanza commerciale.  Nei secoli successivi decadde la centralità del suo ruolo economico, per lo spostamento delle attività commerciali verso la città di Porto.

LA STRUTTURA – Analogamente alla suddivisione di Roma in 14 regioni, anche Ostia era stata divisa in cinque regioni e gli scavi del dopoguerra hanno fatto emergere una struttura composta da edifici situati all’interno delle varie regioni. Le rovine della città furono scavate a partire dagli inizi del XIX secolo e numerosi sono i resti conservati all’interno del sito: monumenti pubblici, abitazioni, strutture produttive, case decorate. Le mura del castrum furono realizzate in tufo in opera quasi reticolata e gli edifici della città si unirono alle mura già in età augustea, creando un percorso che fu poi utilizzato per sostenere un acquedotto.

 

IL CASTELLO – Difronte al suggestivo Borgo antico, poco lontano dall’area archeologica, si erge il Castello di Giulio II, edificato nel IX secolo per opera di Gregorio IV, per offrire riparo ai lavoratori occupati nelle saline. Il papa diede inoltre inizio alla fortificazione dell’insediamento, mentre la realizzazione del Castello fu eseguita per volere del cardinale Giulio dalla Rovere. Nel corso del tempo il Castello fu abbandonato a causa dei cambiamenti territoriali, dovuti all’andamento del Tevere, che ostacolò la realizzazione del Borgo e la pianta triangolare della Rocca.

INFORMAZIONI UTILI – Il sito archeologico di Ostia Antica è aperto tutti i giorni, ad esclusione del lunedì, dalle 8:30 alle 16:00 fino al mese di marzo. L’orario di apertura si prolunga fino alle 18:00 da marzo a settembre e ricambia a partire dall’ultima domenica di ottobre. La prima domenica del mese l’ingresso è gratuito per tutti ed è possibile prenotare le visite guidate.

Angela Franco

Dello stesso autore

Urbino: la città natale del grande pittore Raffaello

Una visita nella bella cittadina di Urbino, che l'anno scorso ha ricordato, con varie manifestazioni ed eventi, il 500° anniversario della morte del grande...

Le 7 meraviglie del mondo: un viaggio alla scoperta della bellezza

Quando torneremo a viaggiare il primo volo che prenderemo sarà verso una meta che ci toglierà il respiro. Per questo si potrebbe scegliere di...

San Galgano: la versione italiana della spada nella roccia

A pochi km da Siena sorge San Galgano, famosa per la grande Abbazia con un'enorme chiesa senza tetto e l'eremo di Montesiepi  Secondo la leggenda...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,684FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Rinoceronte di Giava: il grosso mammifero più a rischio d’estinzione

Un tempo era il rinoceronte più diffuso in Asia. Ora rimangono una settantina di esemplari, confinati in una sola riserva naturale La morte di Sudan,...

Scopriamo cos’è il Nordic Walking

Bastoncini alla mano e si cammina, ecco cos’è “il più efficiente e piacevole allenamento al mondo” Negli ultimi anni questa disciplina sportiva è diventata comune...

Focaccine allo zaatar, un piatto forte della cucina mediorientale

Vediamo insieme qual è il modo più semplice per preparare le maanayesh e lo zaatar Per quanti di voi hanno avuto la fortuna di viaggiare...

Le foglie di tè si possono riutilizzare?

Alcuni tè artigianali danno il loro meglio solo nella seconda infusione, mentre altri assumono aromi molto più delicati se utilizzati più volte. Scopriamo insieme...

Stop agli sprechi: 10 consigli per un bucato green

Come risparmiare e proteggere l’ambiente mentre facciamo il nostro bucato Bastano poche semplici accortezze per abbassare sensibilmente i costi legati al nostro bucato, diminuendo anche...