La mostra “Banksy A visual protest” è approdata a Roma e sarà esposta al Chiostro del Bramante dall’8 settembre all’11 aprile 2021

LA MOSTRA – Da Love is in the Air a Girl with Balloon, da Queen Vic a Napalm, da Toxic Mary a HMV, dalle prove di stampa per il libro Wall & Piece ai progetti discografici per le copertine di vinili e CD. Oltre 100 opere, in un percorso espositivo rigoroso, raccontano il mondo di Banksy. All’interno dell’architettura cinquecentesca del Chiostro del Bramante, a Roma, trova spazio l’artista “sconosciuto” che ha conquistato il mondo grazie a opere intrise di ironia, denuncia, politica, intelligenza, protesta. Contando le mostre di Ferrara e Sansepolcro, con “A visual protest“ saranno ben 3 le mostre in corso dedicate a Banksy nel nostro paesealle quali ne va aggiunta una quarta ad ottobre con l’inaugurazione di “Ritratto di ignoto” a Palermo.

IL PERCORSO ESPOSITIVO – Con questo nuovo progetto espositivo, il Chiostro del Bramante prosegue il suo impegno nel raccontare al pubblico l’arte attraverso i protagonisti. Dopo il successo di ‘Bacon, Freud, la Scuola di Londra‘, ora è il turno di Banksy. Il percorso espositivo prevede, anche comprendendo più di 20 progetti per copertine di dischi e libri, un arco temporale compreso dal 2001 al 2017. Tutte le opere provengono da collezioni private. La visita in presenza sarà arricchita da diversi apparati interattivi, nel rispetto delle norme anticovid: sono stati infatti studiati contenuti educativi fruibili anche in modalità virtuale. L’audioguida accompagnerà il pubblico alla scoperta dell’artista grazie alla nuova app del Chiostro del Bramante scaricabile gratuitamente dai visitatori sul proprio smartphone, per una visita in sicurezza, con contenuti per adulti e piccini.

IL DIALOGO CON RAFFAELLO – La visita sarà arricchita da un insolito dialogo con Raffaello per celebrare i 500 anni dalla morte del genio del Rinascimento. Il concetto del confronto prende le mosse dal progetto ART is always CONTEMPORARY, curato dal Dipartimento Educativo del Chiostro del Bramante. L’arte infatti, quando viene creata, è sempre contemporanea. L’impossibile dialogo si materializzerà soprattutto grazie alla possibilità di ammirare da una prospettiva insolita l’affresco “Sibille e Angeli”, commissionato a Raffaello nel 1515 dal banchiere Agostino Chigi come parte di decorazione della Chiesa di Santa Maria della Pace. L’affresco è visibile al primo piano del Chiostro del Bramante, da una grande finestra nella Sala delle Sibille.

INFORMAZIONI UTILI – E’ consigliabile acquistare il biglietto online al sito www.chiostrodelbramante.it. Il costo del biglietto varia a seconda del giorno: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 15 € 13, dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19 € 15, sabato e domenica, dalle 10 alle 13 € 15, sabato e domenica, dalle 13 alle 20 € 18. La mostra è aperta da lunedì a venerdì dalle 10 alle 20; sabato e domenica dalle 10 alle 21, la biglietteria chiude un’ora prima.

Angela Franco