Metrovia

Al Museo d’arte contemporanea di via Nizza, quattro tavoli per ridisegnare il futuro della mobilità romana. All’evento di Metrovia sono invitati cittadini e professionisti.

10 linee, 22 nodi di scambio e 49 nuove fermate. Sono questi i numeri che mette in campo METROVIA, il progetto che ha l’ambizione di rivoluzionare la mobilità nella Capitale. Come? Utilizzando le linee ferroviarie regionali per realizzare una fitta rete di trasporto su ferro.

“Metrovia è quindi un sistema integrato di 10 linee – spiega lo studio Arsena, ideatore del progeto – nove linee di metropolitana a cui si aggiunge una ferrovia urbana circolare, la Circle Line. È cosa ben diversa dalla situazione attuale, in cui 3 linee di metropolitane sotterranee e i tracciati ferroviari urbani coesistono senza toccarsi. Una potenziale rivoluzione della mobilità urbana è a portata di mano”.

Il progetto preferito dei romani

Mappa Metrovia

 

Il progetto è già risultato essere il più apprezzato nell’ambito del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile. Il suo punto di forza è però dato dal carattere partecipato. Metrovia ha conosciuto, rispetto all’idea originaria, importanti evoluzioni, frutto soprattutto dello scambio, del confronto, delle proposte arrivate dai cittadini romani.

 

Il Think tank per Roma 2030

In quest’ottica si inserisce un altro importante tassello. Cittadini e professionisti della mobilità, dell’urbanistica, del paesaggio urbano e della comunicazione, si sono dati appuntamento domenica 18 novembre al Macro di via Nizza. Nella “Sala Roma” Metrovia ha deciso di organizzare quattro tavoli, per disegnare la Roma del Futuro.

Com’è organizzato l’evento 

Ci sarà il tavolo della Mobilità, dove ragionare di infrastrutture, rotabili, corse, modelli di gestione, pendolarismo urbano ed extra urbano. Il tavolo 2 è invece dedicato allo spazio urbano da disegnare, alle isole ambientali, alla mobilità dolce, all’arredo ed al paesaggio urbano. Nel tavolo 3 ci si dedicherà invece all’urbanistica e dalla trasformazione urbana. Il “Think tank per Roma 2030” prevede anche uno spazio dedicato alla comunicazione: nel tavolo 4 infatti il confronto è incentrato sui modelli e gli strumenti di partecipazione, ascolto e comunicazione. La rivoluzione della mobilità passa anche per un processo partecipato. E come ripete sempre l’architetto Paolo Arsena, ideatore del progetto: “La Metrovia rappresenta il futuro della mobilità. E, soprattutto, si può fare”.

L’appuntamento al Macro, Museo d’arte contemporanea, è alle ore 10. L’iniziativa di via Nizza 138 si conclude alle ore 13.