Prostituzione Strada

L’Assemblea capitolina ha bocciato la richiesta con cui si chiedeva d’organizzare uno specifico nucleo di polizia locale contro la prostituzione dell’Eur. “Non si comprende il malessere del quartiere”.

I NUMERI DELLA VOTAZIONE – Niente ordinanza contro la prostituzione all’Eur. La proposta, avanzata dal gruppo capitolino di Fratelli d’Italia in sede di approvazione del bilancio previsionale e del piano d’investimenti 2017-2019, è stata bocciata da 27 consiglieri. Al momento del voto in Aula Giulio Cesare ne erano presenti 32. Uno si è astenuto, i restanti quattro hanno votato a favore.

L’AMAREZZA – “Dal momento che sono stati quasi tutti contrari – ha commentato Paolo Lampariello, presidente dell’Associazione Ripartiamo dall’Eur – devo concludere che evidentemente non si comprende appieno il malessere che il nostro quartiere,ed in generale gli altri quartieri di Roma avvertono, nel dover convivere con il fenomeno della prostituzione”. Nel Pentagono risulta particolarmente radicato ed arriva spesso a lambire i cancelli delle case.

LE RICHIESTE BOCCIATE – Nel documento che è stato bocciato dall’Assemblea capitolina, si chiedeva di ” Approvare una specifica ordinanza volta a vietare il fenomeno della prostituzione in strada nel quartiere dell’Eur, provvedendo altresì ad uno specifico nucleo della polizia municipale da destinare al controllo ed alla repressione del fenomeno”: Inoltre, come spesso l’Associazione ripartiamo dall’Eur ha chiesto di fare, si chiedevano “controlli circa il rispetto dei divieti di circolazione attualmente esistenti in alcune strade del quartiere in determinate fasce”.  Si tratta delle zone a traffico limitato, istituite nel lontano 1993. Vietavano il transito di automezzi che non fossero dei residenti. Un deterrente di cui, nel quartiere, sopravvivono ancora i cartelli.

Fabio Grilli

 

ZTL EUR

 

PROSTITUZIONE ALL’EUR: Bisogna far rispettare le ZTL. Per saperne di più clicca qui.