Volontari Retake

Firmato all’EUR protocollo d’intesa tra Confcommercio Roma, Associazione Retake e Comune di Roma per il decoro e la riqualificazione urbana della città.


RIQUALIFICARE LE VIE COMMERCIALI – Il protocollo prevede un piano di riqualificazione e controllo sulle strade più commerciali della città ed è partita proprio da un’azione in viale Europa, dove è avvenuta la firma, fino a luglio coinvolgerà, una al mese, le strade dello shopping più frequentate in periferia. “Vogliamo incentivare così – spiega l’assessore a Roma Produttiva, Marta Leonori – le buone pratiche che fanno del bene alla città e mettere a sistema, in un calendario organizzato, gli interventi e le azioni di una squadra fatta di amministratori, imprenditori e semplici cittadini, che vogliono impegnarsi a difesa dei beni e dei luoghi della città.”

I SABATI DEL RETAKE – Una pratica che, ormai, ha definitivamente coinvolto le amministrazioni municipali di Roma sud che si trovano a dover affrontare sempre di più le condizioni di degrado crescente con pochissimi mezzi a disposizione. Il fenomeno dei Retake  – dichiara il presidente del VII Municipio Susi Fantino – rappresenta una forma virtuosa  di cittadinanza attiva e proprio per questo abbiamo deciso di  istituire una serie di appuntamenti programmati ”. I sabati del retake sono partiti il 21 febbraio da piazza dei Consoli, mentre il 28 febbraio sarà la volta di  piazza Re di Roma e il  21 marzo di Morena, nel parco di via Pazzano e andranno avanti fino al 21 novembre a IV Miglio.

SOTTOSOPRA – Anche nell’VIII Municipio di Roma continua il percorso di sOTTOsopra che, oltre al retake, coinvolge tantissime associazioni locali nella riappropriazione del territorio. Dopo aver riqualificato via Gaspare Gozzi, adiacente alla metro San Paolo, il Municipio lancia per sabato 28 febbraio un nuovo appuntamento nel quartiere Tormarancia dove, presso i lotti delle case popolari, verranno anche inaugurati i grandi murales realizzati da diversi artisti sulle facciate dei palazzi.

PULIRE O RIDIPINGERE – Una delle problematiche più forti con cui i retaker devono confrontarsi è che, una volta ripulita una zona, non passa molto tempo perchè i muri e le panchine vengano nuovamente riempite delle cosidette “tags”, scritte brutte fatte male dai ragazzi che vogliono “marchiare il territorio”. Per questo sui gruppi Facebook RetakeRoma, che sono lo strumento attraverso cui i volontari si coordinano e aggiornano, una delle riflessioni più ricorrenti riguarda il non limitarsi a ripulire ma anche abellire e migliorare la zona con colori e murales.

PRONTO INTERVENTO CENTRO STORICOGrazie all’operatività dei cittadini che hanno iniziato ad intervenire direttamente con raschietto e pennello sui muri della città, a Roma si sono finalmente accesi i riflettori anche su risorse e strumenti importanti che prima non erano noti. Fra questi sicuramente c’è il PICS che opera alle dirette dipendenze del Gabinetto del Sindaco, per contrastare i fenomeni di degrado urbano nel centro storico, ma che in collaborazione con i Retake il Comune ha iniziato ad impiegare anche nelle aree urbane più periferiche.

Federico Valerio

La foto riportata è del gruppo Facebook RetakeRoma Appio Latino -Tuscolano