Artista di strada

Un furgone magico che aprendosi si trasforma in un Teatro Mobile. L’idea dell’Associazione La Cantera Teatrale approda nel Municipio IX, da Trigoria al Mercato Laurentino, seguendo un calendario ricco di appuntamenti.


IL FURGONE MAGICO – Il Teatro, la forma di spettacolo più antica, torna alle origini. Riprende il contatto con l’agorà, la piazza, i cittadini. Lo fa però in modo innovativo, spostandosi su quattro ruote. E ci riesce, grazie all’incredibile intuizione di un’associazione, La Cantera Teatrale che l’ha puntato su un furgone. Un veicolo magico, dal quale sprigiona l’energia dell’arte, riportandola in strada, a contatto con la gente.

UNA MANIFESTAZIONE ITINERANTE – L’iniziativa, denominata “Un teatro mobile per la città-rete”, è stata immediatamente sposata dal territorio. L’associazione Laurentes ha deciso di collaborarvi, promuovendola insieme al Municipio IX. Da questa sinergia è derivato un calendario di appuntamenti che prevede delle tappe anche nella periferia romana. “La manifestazione avrà sede in diversi luoghi ed eventi, tra i quali l’Università La Sapienza, Villa Mirafiori, la Rassegna Effetto Notte, il Mercato Laurentino, San Paolo e Trigoria” leggiamo in una nota . E così se il 13 luglio sarà il Testaccio ad ospitare, nella Città dell’Altra Economia la Presentazione Finale, ci sarà il modo ed il tempo di apprezzarla anche nei quartieri extra Gra. Nella giornata di venerdì 10 infatti, sarà sia in via Sapori, presso il Mercato Laurentino, che in via Alessandrini 64, a Trigoria.

IL RISVEGLIO CULTURALE – “L’Associazione Laurentes, ha accolto con entusiasmo l’idea di aderire al progetto Teatro mobile; soprattutto nelle periferie, infatti, l’idea di portare ‘a domicilio’ la cultura, coinvolgendo direttamente i cittadini e risvegliandone la curiosità sopita e la voglia di condivisione – spiega la Presidente Laura Pasetti – è innovativa e futuristica, prodromo di un progetto di più ampio respiro che nel tempo cementerà e amplificherà lo spirito coinvolgente della condivisione tra realtà associative territoriali”.

TEATRO E QUOTIDIANITA’ – Per il calendario completo delle incursioni del Teatro Mobile, si rimanda al sito dell’Estata Romana 2015. Riservarsi del tempo per apprezzarne le performance, consentirà di toccare con mano questo esperimento. Un percorso in divenire, che consente alla cultura di scendere sul terreno della quotidianità “realizzando una città-rete e un’offerta comunicativa – per dirla col prof. Mario Morcellini – sempre più tarata sui bisogni e sulle aspettative diffuse” .

Fabio Grilli