Labrador

Utilizzo e modulazione dei toni vocali e dei movimenti del corpo sono fra gli elementi fondamentali di una corretta relazione uomo-cane.


COME COMUNICANO I CANI – I cani comunicano con i suoni e i movimenti del corpo. Per cui se noi umani desideriamo farci comprendere da loro dobbiamo partire da qui. E imparare a modulare la voce e ad usarla in modo sempre diverso a seconda delle situazioni, insieme ai movimenti del corpo. Ecco perché abbiamo inventato questo nome “telecomando vocale”, proprio per far capire come sia importante la modulazione dei toni. Attenzione, non sto dicendo che dobbiamo imparare ad abbaiare eh! Dobbiamo semplicemente immaginare di avere un telecomando nella nostra gola e imparare ad usarlo. Alzare ed abbassare il tono, renderlo più duro e dolce a seconda delle esigenze. Quando dico “alzare” il tono non intendo però strillare, cosa che non va mai bene perché serve solo ad innervosire il nostro amico. Alzare il tono significa rendere la voce più forte ed energica, sia quando dobbiamo esortare o fare i complimenti al nostro cane, sia quando dobbiamo correggerlo. L’intensità delle modulazioni dipende da vari fattori: dal momento, dal tipo di cane con cui ho a che fare, dalla sua età. Con un cucciolo, ad esempio, dovrò utilizzare tantissimo i toni gioiosi ed esortativi, ma allo stesso modo dovrò avere dimestichezza con i toni correttivi, in quanto un cucciolo, spesso, combina guai.

LA VELOCITA’ – Ma veniamo alla parte più importante: la velocità di utilizzo e modificazione dei toni. Che significa? Partendo dal presupposto che il cane non comprende il significato letterale delle nostre parole, ma semplicemente assimila i suoni e li associa attraverso il condizionamento a determinate azioni o oggetti, sarà importantissimo imparare ad essere veloci nella nostra comunicazione. Più perdo tempo, tra un tono e l’altro, più la possibilità che il cane associ quel suono ad un’azione verrà meno. Più sarò lento nel recuperare con tono positivo un’azione del mio cane, che da negativa dopo una correzione si è trasformata in positiva, meno avrò la possibilità che il mio cane comprenda cosa sia successo. Più perdo tempo nella comunicazione, più ci sarà la possibilità che il mio cane si distragga e che il resto del mondo diventi improvvisamente più interessante di me. Allo stesso modo più la mia voce sarà sempre piatta e quindi priva di energia e modulazione nel mio rapportarmi a lui, più diventerà solo rumore di sottofondo.

L’IMPORTANZA DI SENTIRSI UN PO’ SCEMI – Ecco perché dico sempre ai miei allievi che a volte quando si cerca di farsi comprendere dal cane è necessario anche sentirsi un po’ scemi. Ovvero accentuare tantissimo tutti i toni, sia quelli di esortazione “Bravooooo!” che quelli correttivi “E allora!”, fregandocene se chi ci guarda per strada penserà che siamo matti. Ed è altrettanto importante che se chiamo il mio cane e lui si volta a guardarmi io sarò immediatamente pronto ad elogiarlo per fargli capire che sta facendo bene. Come devo essere altrettanto veloce a correggerlo con voce più dura, se ci ripensa e cambia direzione. Ma altrettanto velocemente dovrò tornare ad essere dolce e gioioso se a seguito della correzione il cane torna a dirigersi verso di me. Altrimenti non comprenderà di essere tornato sulla strada giusta e c’è il rischio che se il mio atteggiamento resta in chiusura e senza recupero, il cane torni da me ma non contento di farlo. Per cui non abbiate paura di esagerare e calcate i toni, fate sentire le “i”, dato che l’udito del cane recepisce molto bene i suoni acuti.

COMINCIARE DA SUBITO – Ovviamente non con tutti i cani è sufficiente la sola comunicazione vocale per correggere errori radicati o semplicemente per educare. E’ importante anche l’utilizzo del corpo e dei movimenti e l’insegnamento completo di vari esercizi che si imparano ad un buon corso di addestramento. Per il resto però imparare ad usare la voce con il cane è di fondamentale importanza per la vostra relazione. E’ bene farlo da subito. Per cui vi consiglio di cominciare a scaldare l’ugola.

Silvia Nitrato Izzo