-2.6 C
Rome
sabato, 23 Gennaio 2021

CIVITA DI BAGNOREGIO: Una visita alla città che muore

Visitare “la città che muore”  è sicuramente una delle esperienze più significative da vivere nel Lazio

LA STORIA – Civita di Bagnoregio fu fondata dagli Etruschi, 2.500 anni fa: originariamente esisteva un solo agglomerato urbano e sul luogo dell’attuale Civita era situata l’acropoli con i templi e il foro, centro della vita civile e religiosa dell’intera urbe, mentre dove ora si trova Bagnoregio sorgeva l’abitato di Rota. Racchiuso tra i due fiumi del Rio Chiaro e del Rio Torbido, circondato e protetto dalla Valle dei Calanchi, questo piccolo altopiano si trovava in una posizione assolutamente strategica. Inoltre la presenza della vicina foce del fiume Tevere costituiva un’importante via commerciale e di comunicazione. Gli Etruschi stessi erano a conoscenza dell’instabilità sismica di quest’area e misero in atto alcune opere allo scopo di proteggerla dai terremoti, arginando fiumi e costruendo dei canali di scolo per il corretto deflusso delle acque piovane. I Romani, a loro volta, ripresero le opere ma dopo di loro queste furono trascurate ed il territorio ebbe un rapido degrado che portò, infine, all’abbandono, destino simile a quello della città di Calcata.

LA CITTA’ – Civita di Bagnoregio è un luogo magico, surreale, fantastico, situato sulla vetta di un’altura di tufo e raggiungibile solo attraverso uno stretto ponte pedonale dal quale si gode di uno dei panorami più spettacolari di tutto il Lazio. Soprannominata la città che muore, per via della costante erosione delle rocce di tufo su cui si trova, questa cittadella a metà strada tra Orvieto e il lago di Bolsena ha origini etrusche e medioevali. Sospesa nel tempo e nello spazio, Civita di Bagnoregio è senza dubbio uno dei borghi italiani più belli e caratteristici da visitare nel territorio della Tuscia e in Italia: durante le giornate di nebbia questa incredibile città sembra letteralmente sospesa nel vuoto.

LA VISITA – Una volta superato il ponte, il primo importante monumento che si incontra è la Porta San Maria, sormontata da una coppia di leoni che artigliano due teste umane, simbolo dei tiranni sconfitti dai bagnoresi. Più avanti la via San Maria si apre nella piazza principale, dove si può ammirare la chiesa romanica di San Donato restaurata nel XVI secolo. Qui sono custodite opere davvero interessanti come lo stupendo Crocefisso ligneo quattrocentesco della scuola di Donatello, e un affresco della scuola del Perugino. I palazzi rinascimentali dei Colesanti, dei Bocca e degli Alemanni si impongono nelle viuzze con le tipiche case basse con balconcini e scalette esterne tipiche dell’architettura medioevale. All’interno del borgo poi ci sono ristoranti, trattorie e bar ma anche bed & breakfast e negozi di artigianato locale.

LA LEGGENDA – Da visitare anche il piccolo Museo Antica Civitas, realizzato all’interno di una abitazione o la grotta di San Bonaventura, un’antica tomba a camera scavata a strapiombo sul muro di tufo che prende il nome da Frate Bonaventura da Bagnoregio, biografo di San Francesco di Assisi. Si racconta che durante un suo soggiorno a Civita, San Francesco curò salvando da morte certa un giovane di nome Giovanni di Fidanza. La madre del ragazzo promise al Santo che una volta grande, il figlio sarebbe diventato un servitore di Dio. E così Giovanni divenne Frate Bonaventura da Bagnoregio.

Angela Franco

Dello stesso autore

Le 7 meraviglie del mondo: un viaggio alla scoperta della bellezza

Quando torneremo a viaggiare il primo volo che prenderemo sarà verso una meta che ci toglierà il respiro. Per questo si potrebbe scegliere di...

San Galgano: la versione italiana della spada nella roccia

A pochi km da Siena sorge San Galgano, famosa per la grande Abbazia con un'enorme chiesa senza tetto e l'eremo di Montesiepi  Secondo la leggenda...

Colosseo: la settima meraviglia del mondo è italiana

Testimone dell’importante storia della Capitale, il Colosseo è il simbolo indiscusso di Roma, nonché tappa obbligatoria da visitare Sulla storia del Colosseo nei secoli, dalla costruzione alla distruzione, c’è da...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Resta Connesso

1,678FansMi piace
129FollowerSegui
- Advertisement -

ULTIME NOTIZIE

Koala, decimati dagli incendi: sono una specie vulnerabile

Circa 60mila koala sono rimasti vittima degli incendi che hanno devastato l’Australia. La perdita dell’habitat ed il cambiamento climatico restano le maggiori minacce. Le fiamme...

Lampadine Led: illuminare risparmiando

Come scegliere la lampadina Led perfetta per i vostri ambienti? Ecco alcune indicazioni da seguire Il risparmio e la cura dell’ambiente partono dalle piccole cose,...

Come conservare al meglio tè e tisane

Scopriamo insieme qualche piccola accortezza per proteggere le vostre erbe e preparare sempre tè e tisane perfette Anche il tè e le tisane, come tutti...

I mandarini e le loro tante proprietà

Perfetto per piatti dolci o salati è un frutto di stagione che concilia anche il sonno Il mandarino in queste settimane è il principe delle...

Lo sciacallo dorato: aumentano gli avvistamenti in Italia

Arrivato dall’Est europeo, negli ultimi mesi viene segnalato anche in Emilia. E’ più piccolo del lupo e più grande della volpe A metà degli anni...