Rubens e Caravaggio

Dal 18 al 26 settembre sarà possibile ammirare gratuitamente grandi capolavori artistici. Un’occasione da non farsi scappare, arricchita dalla spiegazione del curatore della Pinacoteca dei Musei Capitolini.

L’INIZIATIVA –  L’evento nasce nell’ambito del programma “Libera Estate Libera Ostia”, che permette ai cittadini di ammirare splendide opere d’arte gratuitamente e in esclusiva. Il progetto è realizzato da Roma Capitale per “portare la bellezza della cultura per far passare la cultura della bellezza”. Il programma dell’iniziativa è ricco di eventi interessanti per collegare Roma con il suo mare: oltre all’esposizione di magnifici capolavori artistici infatti sarà possibile la partecipazione a eventi di musica dal vivo, cinema all’aperto, teatro, street art, fotografia, pittura, arti visive e multimediali, presentazione di libri e laboratori creativi.

PRIMA FASE DEL PROGETTO –  Dal 18 al 29 settembre saranno esposte eccezionalmente sei opere dei musei Capitolini nell’aula consiliare del Municipio e nel Teatro del Lido. Da venerdì 18 a Sabato 19, nella sede del Municipio, sarà possibile ammirare il “Ritrovamento di Romolo e Remo” di Rubens: l’opera rappresenta un omaggio alla storia di Roma, dove l’artista aveva vissuto e lavorato tra il 1601 e il 1608. Nell’opera è raffigurato il momento del ritrovamento dei due gemelli da parte del pastore Faustolo sulla riva del Tevere.

 

SECONDA FASE DEL PROGETTO – Dal 23 al 26 settembre saranno visibili, sempre nella sala consiliare, altre quattro splendide opere: “San Sebastiano” di Alessandro Tiarini, “San Giovanni Battista” di Daniele da Volterra, “Alessandro e la moglie di Dario” di Francesco Allegrini e il “Ritratto di Michelangelo Buonarroti” di un anonimo pittore toscano. Si tratta di quattro capolavori conservati nei Musei Capitolini ed esposti in via eccezionale per l’evento di Ostia.

CHIUSURA DELL’EVENTO –  Si chiude l’iniziativa il 29 settembre con l’esposizione al Teatro del Lido della celebre opera “San Giovanni Battista” del Caravaggio, in occasione dell’anniversario della nascita del grande artista. San Giovanni Battista era un soggetto molto frequente nella pittura del Caravaggio, il quale rimase affascinato da uno dei bellissimi nudi affrescati da Michelangelo nella volta della Cappella Sistina.

Angela Franco