Art 24

Il Coordinamento dei Comitati di Quartiere del IX rilancia il tema del “Baratto amministrativo”, come previsto nell’art. 24 del Decreto Sblocca Italia. Ora si attende l’iniziativa del Campidoglio.

COME DIFENDERE IL VERDE URBANO? I cittadini sono sempre più consapevoli in una città come quella di Roma delle difficoltà di gestione da parte del Comune le estese aree verdi di sua proprietà. Si pagano, in questo contesto, errori del passato, oltre ad anni di ruberie ai danni dei cittadini, certificati dall’inchiesta di “Mafia Capitale” che ha mostrato come più che fare gli interessi del patrimonio pubblico, si puntasse a fare quelli delle tasche di pochi.

IL SENSO CIVICO – In questi ultimi anni si assiste ad una proliferazione di attività di decoro, manutenzione e pulizia effettuate direttamente dagli abitanti e/o associazioni e/o comitati dei singoli quartieri. E’ di qualche giorno fa la foto del cantante Francesco De Gregori che fa lo spazzino. De Gregori, con altri residenti del quartiere Prati a Roma, tutti riuniti in un’associazione di territorio, non si limita a criticare ed a fare le pulci all’amministrazione comunale di turno, un’attività in cui siamo tutti bravissimi. Va oltre. Scende in strada, con la ramazza in mano, e pulisce la sua strada.

LO SBLOCCA ITALIA – E vero infatti, che alcune volte, l’ incompetenza dei politici viene utilizzata quale alibi per le nostre colpe, individuali e collettive. In questo quadro si inserisce per la città di Roma una grande opportunità. Il Governo, infatti, visto che la crisi delle casse comunali colpisce tutta la penisola, ha varato con l’Art. 24 del decreto “Sblocca Italia” misure per “interventi di sussidiarietà orizzontale”, ovvero il cosiddetto “baratto amministrativo”. Tale norma è stata ripresa dall’art. 190 nuova stesura del Codice degli appalti.

IL BARATTO AMMINISTRATIVO – Tu cittadino ti prendi cura di uno spazio, ma io Amministrazione ti premio riducendoti le tasse. Roma ancora non ha però approvato con apposita delibera Comunale come prevede la legge il suo regolamento. Il Coordinamento dei CdQ del Municipio IX, ormai da due anni, spinge per questa approvazione, lo scorso ottobre ha incontrato gli Uffici dell’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale, ma a tutt’oggi la delibera ancora non viene licenziata. I CdQ del Municipio IX addirittura, con una nota dei primi di gennaio 2017, hanno inserito tutte le aree che i cittadini dei quartieri aderenti al progetto del coordinamento hanno individuato quelle aree di possibili patti di collaborazione.

L’INTENZIONE DELL’AMMINISTRAZIONE – Un lavoro immane, anche in termini di sensibilizzazione sul territorio, attraverso singole assemblee tematiche nei singoli quartieri, che però rischia di essere sprecato. L’Amministrazione Capitolina prenderà finalmente una decisione in merito? Si schiererà dalla parte dei cittadini e della manutenzione volontaria dei beni comuni? Speriamo di avere sul tema presto delle risposte definitive.

Carla Canale