18950947_959465014196224_164770619946755662_n

L’Orto botanico, il Bioparco, i numerosi parchi e le ville romane offrono rifugio e ossigeno a chi vuole disintossicarsi dal caos della vita urbana

L’ORTO BOTANICO – Con i suoi 12 ettari di parco e circa 2.000 metri quadrati di serre, l’Orto Botanico è uno dei maggiori d’Italia. Situato nel pieno centro storico di Roma, tra il Gianicolo e Trastevere, rappresenta un polmone verde talvolta sconosciuto agli stessi cittadini romani e gestito dal dipartimento di Biologia Ambientale dell’Università di Roma “La Sapienza”. Il complesso, in cui è possibile osservare varietà botaniche provenienti da tutto il mondo, si inserisce in una tradizione cittadina di giardini dall’importante valore scientifico-naturalistico. Infatti le sue collezioni rivestono particolare importanza sia dal punto di vista scientifico che scenografico, mettendo a disposizione anche strutture per disabili e non vedenti: sono stati realizzati sentieri e percorsi ad hoc ed è stato allestito un “giardino dei profumi” per i non vedenti: la classificazione delle piante è stata riportata anche in braille.

 

IL BIOPARCO – Il giardino zoologico di Roma, altresì noto come Bioparco, nasce all’inizio del ‘900.  Attualmente ospita 1144 animali di 222 specie diverse e si trova all’interno di Villa Borghese. Riveste un ruolo fondamentale per garantire la conservazione in natura di specie minacciate di estinzione e svolge un ruolo di educazione e sensibilizzazione particolarmente importante sia nei confronti delle scuole che nei confronti della cittadinanza. Numerose sono infatti le iniziative di sensibilizzazione per l’adesione a campagne internazionali di conservazione e a programmi europei di riproduzione in cattività.

IL PARCO DEGLI ACQUEDOTTI – Compresa tra i moderni quartieri di Cinecittà lungo la via Tuscolana e del Quarto Miglio sull’Appia Nuova, l’Area degli Acquedotti, per l’alto valore delle sue testimonianze storico-archeologiche, costituisce parte integrante del Parco Regionale dell’Appia Antica. L’Area, delimitata da via Lemonia, via delle Capannelle, via Appia Nuova e via del Quadraro, prende il nome dai monumentali resti di sei degli undici acquedotti antichi che assicuravano l’approvvigionamento idrico alla città di Roma. Sabato 8 luglio è prevista alle ore 18:30 una pedalata alla scoperta delle meraviglie del Parco che si concluderà con un Archeoaperitivo immerso nella natura e nella bellezza di questa area verde.

Angela Franco