appia day

Da Roma a Brindisi monumenti aperti, visite guidate, trekking, walkabout, transumanze, musica, ciclotour, attività per bambini. 100 appuntamenti per chiedere la pedonalizzazione dell’Appia Antica.

L’ 11 e il 18 ottobre torna l’Appia Day, il festival diffuso della Regina Viarum, con l’apertura straordinaria e gratuita dei monumenti tra Roma e Brindisi e tanti eventi – passeggiate, trekking, ciclotour, musica e spettacoli – per vivere l’archeologia e il territorio a piedi e in bici.

Il comitato organizzatore, grazie anche alla preziosa collaborazione di Legambiente, Touring Club, Comitato Mura Latine, Archeomitato coinvolge decine di associazioni che contribuiscono a dar vita all’evento organizzando decine di attività per coinvolgere visitatori di tutte le età.

L’Appia Day e’ un’occasione per celebrare il fascino e l’incanto dell’Appia Antica, per scoprire quello storico e originale modello di collegamento viario capace di unire Roma e territori lontani e che oggi può diventare la via privilegiata per un’azione di trasformazione della città, per l’affermazione di una nuova idea di uso del territorio e dei beni comuni. Per il quinto anno consecutivo saranno oltre cento gli eventi organizzati da un vasto comitato promotore in collaborazione con il Parco archeologico dell’Appia Antica, il Parco Regionale dell’Appia Antica, la Sovrintendenza Capitolina ai beni Culturali, il Ministero dei Beni Culturali, con il patrocinio del Comune di Roma e della Regione Lazio.

La pedonalizzazione dell’Appia Antica

L’Appia Day unirà idealmente tante città e comunità locali per chiedere la pedonalizzazione della storica strada 365 giorni all’anno, per immaginare di poter considerare la Regina Viarum la porta d’accesso a una nuova idea di città che investe sul suo territorio, sulla sua cultura, sul suo paesaggio e si mostra più attenta ai cittadini, più moderna, più verde, più vivibile, più sana.

L’iniziativa

L’Appia Day, che negli scorsi anni ha visto la partecipazione di oltre 150mila persone, sarà riservata esclusivamente a pedoni e pedali, con monumenti aperti gratuitamente e pronti a svelare la loro bellezza e i loro segreti, visite guidate per accompagnare i visitatori alla scoperta delle storie millenarie del più suggestivo museo a cielo aperto del mondo. E poi trekking, archeotour in bici, conferenze, mostre, walkabout, street food, musica, attività per bambini. Anche per questa edizione 2020 saranno tanti gli eventi organizzati soprattutto a Roma, cuore dell’Appia Day, ma anche nei diversi comuni del centro e sud Italia attraversati dall’antica Appia. (Leggi il programma completo).

Il Grande Raccordo Anulare delle Bici

Fra gli altri eventi di domenica 11 e domenica 18 ottobre l’ARCHEOGRAB, una passeggiata in bici o a piedi alla scoperta di una parte del tragitto del futuro GRAB – il Grande Raccordo Anulare delle Bici di Roma – immersi nella millenaria magia della capitale. Partendo dall’Arco di Druso il giorno 11, dal Colosseo il giorno 18 si arriva a Porta San Sebastiano, si pedala o si cammina percorrendo il suggestivo museo a cielo aperto dell’Appia Antica, si attraversa il Parco della Caffarella con le sue meraviglie naturali e archeologiche e si costeggia l’ininterrotta successione di archi degli antichi Acquedotti, per poi tornare sull’Appia Antica all’altezza della Villa dei Quintili, e via verso Cecilia Metella e il Circo di Massenzio. Nel corso del Tour sono previste 7 tappe, nel corso delle quali ai partecipanti sarà messo un “bollino” su apposita tessera – chi li avrà tutti e 7 avrà diritto ad una maglietta APPIA DAY.

Redazione