img800-il-5-agosto-il-miracolo-della-neve-a-santa-maria-maggiore-99467

L’edizione di quest’anno sarà dedicata alla rinascita di Notre Dame e all’architettura, con un particolare omaggio a Leonardo da Vinci

LA STORIA – Vari autori cristiani hanno commemorato il miracolo della nevicata a Roma il 5 agosto. La storia racconta che al ricco patrizio Giovanni, durante la notte del 4 agosto 358 d.C., sarebbe apparsa in sogno la vergine Maria chiedendogli di costruire una chiesa nel luogo dove il mattino seguente avesse trovato della neve fresca. La mattina del 5 agosto Giovanni si recò da papa Liberio per raccontargli il sogno e il pontefice confessò di aver avuto la stessa visione: il prodigio si era avverato e una bianca coltre aveva ricoperto il colle Esquilino. Papa Liberio decise di tracciare la pianta di una grandiosa basilica dove era caduta la neve di agosto: la chiesa prese il nome di basilica di Santa Maria della Neve (chiamata anche basilica Liberiana, dal nome del papa o popolarmente ‘ad nives’).

L’EVENTO – A partire dalle 21 si svolgerà il ‘miracolo della neve’, che imbiancherà la cupola della chiesa di Santa Maria Liberiana e piazza Santa Maria Maggiore, sul colle Esquilino. L’evento sarà accompagnato da musiche, suoni, letture, luci, canti, raggi laser, espressioni artistiche e apparizioni celesti di grande effetto scenico: alla mezzanotte i candidi fiocchi di neve scenderanno e imbiancheranno tutta la piazza. L’architetto Cesare Esposito, che dal 1983 rinnova la tradizionale nevicata di agosto, vuole dichiarare in questo modo il suo amore per Roma e il rione Monti, dove è nato. Mentre lo scorso anno l’evento era dedicato alla figura di pace rappresentata da papa Francesco, questa edizione è rivolta alla rinascita di Notre Dame de Paris e all’architettura, con un omaggio particolare a Leonardo da Vinci.

INFORMAZIONI UTILI – Dalle 21 alle 24 saranno chiuse al traffico la stessa piazza Santa Maria Maggiore, via dell’Esquilino, via Liberiana, via Carlo Alberto e via Merulana, da piazza Santa Maria Maggiore a largo Brancaccio. Deviate le linee di bus.

Angela Franco

Foto: interris.it