non-una-di-meno-roma-2018-twitter

Il 25 novembre sarà la giornata contro la violenza sulle donne e sabato 23 si è svolta a Roma la manifestazione del Movimento femminista “Non una di meno”

IL CORTEO – Nella Capitale sabato 23 il corteo ha sfilato da piazza della Repubblica a piazza San Giovanni, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre. “Non Una di Meno” ha ricordato che ogni 72 ore in Italia una donna viene uccisa da una persona di sua conoscenza, solitamente il suo partner; tre femminicidi su quattro avvengono in casa; il 63% degli stupri è commesso da un partner o ex partner; continuano le violenze di genere. Il movimento femminista è tornato in piazza con un grido di rivolta contro i femminicidi di tutto il mondo per commemorare la morte di “Mimo” in Cile.

“MIMO”– Daniela Carrasco, artista di strada cilena di 36 anni, alcune ore dopo essere stata fermata dai militari cileni per la sua protesta contro il governo filo-militare e nostalgico di Pinochet, è stata trovata impiccata ad un recinto ed esposta in un comune della città metropolitana di Santiago del Cile. Violentata e torturata fino alla morte per intimidire chi, soprattutto se donna, sta partecipando alle mobilitazioni di questi giorni. Daniela era una donna, un’artista di strada di straordinario talento, un’attivista per i diritti civili, un simbolo della protesta in Cile. Daniela fino all’ultimo ha usato il suo corpo, da viva, per raccontare le atrocità di un governo trasformato in regime.

IL GRIDO MUTO – Alle 16:30 le organizzatrici del corteo hanno invitato tutti a prendere parte al “grido muto”, rimanendo in silenzio per 5 minuti, per dimostrare tutta l’indignazione nei confronti di un delitto atroce, che scuote le coscienze di tutto il mondo. Il pensiero va a tutte quelle donne che hanno perso la vita in veri e propri attentati alla democrazia: Hevrin Khalaf, segretaria generale del Partito Futuro siriano, che si batteva per i diritti delle donne e per la coesistenza pacifica fra curdi, cristiano-siriaci e arabi ed era apprezzata da tutte le comunità: assassinata il 13 ottobre. Marielle Franco, politica, sociologa e attivista brasiliana, che si batteva in difesa dei diritti umani contro la violenza della polizia nelle Favelas: assassinata a Rio il 14 marzo 2018. Susana Chávez Castillo poetessa e attivista messicana conosciuta come autrice dello slogan “Nunca más” (non una (morta) di più), usato dagli attivisti per manifestare contro il massacro delle donne di Juárez.
Fu trovata uccisa e mutilata il 6 gennaio 2011 a Cuauhtémoc. E a tutte le vittime dei femminicidi, affinché questa strage silenziosa abbia un termine.

Angela Franco