12647429_685865894889472_1748056028917725564_n[1]

Da non perdere le mostre e gli appuntamenti nei musei civici di Roma il 1 dicembre, la prima domenica del mese e della stagione natalizia

#VIALIBERA – Sarà una domenica di cultura e attività all’aria aperta, quella del 1 dicembre a Roma. Nei musei, infatti, si entrerà gratis come ogni prima domenica del mese, mentre per gli appassionati di passeggiate urbane, biciclette e micromobilità torna #ViaLibera: dalle 10 alle 18 circa 8 chilometri di strade saranno, totalmente o parzialmente, chiuse al traffico e dedicate a pedoni e a ciclisti. Tra le strade interessate ci sono via Cola di Rienzo, via del Corso, via Tiburtina (San Lorenzo), via dei Fori Imperiali e largo Corrado Ricci, piazza Venezia, via di San Gregorio, viale Manzoni. Lungo le strade, promette il Comune, che promuove l’appuntamento, ci saranno eventi e iniziative culturali, feste e musica, attività per promuovere la ciclabilità.

I MUSEI APERTI – E chissà, magari alle mostre più interessanti ci si arriva proprio a bordo di una bicicletta. L’ingresso, d’altronde, è gratuito sia ai musei statali che a quelli civici (ma in quest’ultimo caso solo per i residenti a Roma e nella Città Metropolitana). Numerosi i siti aperti gratuitamente: l’ingresso è gratuito per tutti (romani e non) al Parco Archeologico di Ostia Antica e a quello dell’Appia Antica, alle Terme di Caracalla, al Pantheon, al Colosseo e ai Fori, a Palazzo Massimo e Palazzo Altemps, alle Terme di Diocleziano, al Museo nazionale etrusco di Villa Giulia, a Castel Sant’Angelo, al Palazzo Venezia, al Museo Hendrik Christian Andersen. E ancora: al Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative, il costume e la moda dei secoli XIX e XX, alla Galleria Spada, al Museo e Galleria Borghese, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, ai musei etnografici Luigi Pigorini e Giuseppe Tucci, oltre a quello nazionale delle arti e tradizioni popolari, al Museo delle Civiltà, al Vittoriano, alla Crypta Balbi, a Palazzo Barberini.

NEI DINTORNI – Tante le proposte anche appena fuori Roma: free-entry alla Villa di Orazio, a Villa Adriana e a Villa D’Este, alle Terme Taurine, alla Necropoli della Banditaccia, al Museo archeologico nazionale di Civitavecchia, al Museo Giacomo Manzù, al Museo delle navi romane di Nemi, al Museo archeologico nazionale di Palestrina e Santuario della Fortuna Primigenia, all’Antiquarium e area archeologica di Lucus Feroniae a Capena, al monastero di Santa Scolastica e a quello di San Benedetto Sacro Speco, all’Antiquarium di Pyrgi a Santa Marinella, all’abbazia greca di San Nilo. Siti da visitare, infine, anche tra Rieti, Frosinone e Viterbo.

LE MOSTRE – Ai Musei Capitolini c’è “Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte”, in omaggio a uno dei grandi protagonisti del Rinascimento, mentre all’Ara Pacis, fino a domani, c’è “Aquileia 2200”, che ripercorre le trasformazioni della Città Eterna dall’antica città romana e fino alla prima guerra mondiale. “Colori degli Etruschi. Tesori di Terracotta” è la mostra alla Centrale Montemartini, insieme a “110 anni di luce. Acea e Roma”. Chi si troverà ai Fori potrà scoprire “Giancarlo Sciannella – Scultore di archetipi” ai Mercati di Traiano, ma la scelta è ampissima tra esposizioni e mostre del Museo di Scultura antica Giovanni Barracco e quelle della Galleria d’Arte Moderna, dove inaugura anche “Spazi d’arte a Roma. Documenti dal centro ricerca e documentazioni arti visive (1940-1990).

Angela Franco